Canone Rai, ultimi giorni per non pagarlo: come fare

La scadenza per l’esenzione dal Canone Rai si avvicina. I contribuenti che ne possono beneficiare devono inviare la domanda

Canone Rai
Canone Rai (Foto Adobe)

Il Canone Rai è storicamente una delle imposte più evase dagli italiani. Fino a quando nel 2016 una norma apposita ha spostato il pagamento nella bolletta della corrente elettrica. Di conseguenza non più il bollettino a casa ammucchiato sugli altri, ma 9 euro al mese per 10 mesi l’anno direttamente addebitati nella bolletta della luce.

Questo ha decisamente rimpolpato le casse pubbliche destinate all’azienda radiotelevisiva. Ma è ancora possibile non pagare il canone Rai. Ad esempio, chi non possiede apparecchi televisivi, e dunque non usufruisce del servizio, può essere esonerato dal pagamento del Canone. Ma a fronte di una audodichiarazione, valida ai sensi di legge, di non possedere nella propria abitazione alcun apparecchio televisivo. In caso di controllo, e di verifica di dichiarazione mendace, consegue sanzione grave.

Canone Rai, quando scade la possibilità di richiedere l’esonero?

canone rai esenzione scadenza
Canone Rai (Foto Adobe)

Anche in altri casi si può richiedere l’esenzione dal pagamento del Canone Rai. La bolletta della corrente elettrica viene inviata con l’importo comprensivo del canone in automatico. Per non pagare l’imposta si deve fare un’apposita richiesta. Si tratta dei contribuenti di età superiore ai 75 anni con reddito basso. Il reddito si considera comprensivo di tutto il nucleo familiare, e non deve superare gli 8.000 euro annui.

Leggi anche: Modello 730, come ottenere oltre 250€ dalla dichiarazione dei redditi

La scadenza per presentare la richiesta di esenzione è il 2 maggio 2022. La legge consente un esonero per l’intero anno per chi ha compiuto 75 anni entro il 31 gennaio 2022. Mentre può essere esonerato dal pagamento del secondo semestre chi li ha compiuti, o li compirà, tra il primo febbraio ed il 31 luglio 2022. Rimangono sempre fermi i limiti di reddito.

Leggi anche: Agenzia delle Entrate, stretta scontrini: novità in arrivo

Per inoltrare la richiesta, questi contribuenti entro il 2 maggio devono inviare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio all’Agenzia delle Entrate. Può essere consegnata di persona o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo Agenzia delle Entrate – Ufficio Torino 1 S.A.T. – Sportello abbonamenti – 00121 – Torino. Alla documentazione deve essere allegata una copia del documento di riconoscimento non autenticata, in corso di validità.