Plastica, vincolato l’impegno globale per un trattato senza rinvii

L’ONU sancisce l’impegno improrogabile contro l’inquinamento da plastiche e lo fa con un atto vincolante. Come si è pronunciata l’Assemblea

(Pixabay)

Prima di trovare una soluzione a un problema, bisogna riconoscerlo, individuarne i tratti distintivi della questione per imbastire un dibattito costruttivo e, soprattutto, risolutivo. Sullo spigoloso tema dell’inquinamento causato dai rifiuti plastici se ne è parlato tanto, ma forse siamo arrivato a un momento storico dove ogni dichiarazione e azione sono cruciali per garantire un futuro del genere umano.

C’è bisogno di radicalità e questa volta l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha recepito il messaggio. Come riporta Greenpeace nel suo comunicato, datato 2 marzo 2022, si è riunita a Nairobi l’Assemblea delle Nazioni Unite per l’Ambiente, la quale ha concluso l’incontro sottoscrivendo una risoluzione che condurrà, entro l’anno, all’apertura dei negoziati tesi a un trattato globale sulla plastica.

Un atto dovuto (all’ambiente), ma non solo. Un atto che ha un carattere legalmente vincolante, a cui non potranno più seguire passi indietro. La decisione è stata presa dai leader globali seduti al tavolo dei negoziati dopo aver finalmente accolto le grida delle proteste e gli appelli di milioni di persone in tutto il mondo, per porre fine alla crisi ambientale innescata dall’inquinamento da plastica.

Leggi anche: Plastica, il riciclo innovativo per un riutilizzo di alta qualità

Leggi anche: Allarme OCSE, riciclato meno del 10% della plastica

La risoluzione riflette il riconoscimento rispetto all’intero ciclo di vita della plastica: un processo che comincia dall’estrazione dei combustibili fossili indispensabili per la sua produzione fino al fondamentale epilogo dello smaltimento, intervallato dai concreti impatti sulle persone e sul pianeta.

Con questo gesto comune si vuole mantenere alta la pressione sulle aziende che lavorano i combustibili fossili e su quelle multinazionali che fanno uso di sproporzionate quantità di imballaggi usa e getta, reclamando l’immediata riduzione del loro impatto ambientale; un invito a convertire radicalmente gli attuali modelli di business in innovative soluzioni che seguano i principi dello sfuso e della ricarica. Attendiamo ora tutti la ratifica del trattato e la sua effettiva attuazione.