Allarme Postepay, avviso agli utenti via sms: c’è un pericolo

Negli ultimi giorni i proprietari di Postepay hanno segnalato un sms truffa. Andiamo a scoprire nel dettaglio di cosa si tratta

Postepay
Postepay (Foto Adobe)

La Postepay è uno degli strumenti finanziari e di gestione dei risparmi più utilizzati dagli italiani. I motivi di tale successo sono molteplici. In primis la facilità di utilizzo non solo della carta ma anche dell’app dedicata. Altro aspetto da tenere in considerazione sono i bassi costi di gestione. Come tutti gli strumenti finanziari, anche questo porta con sé dei rischi da tenere in conto.

Ovviamente questo avvertimento deve essere preso in considerazione non solo per i possessori di Postepay ma di tutti gli strumenti con i quali effettuiamo operazioni. Sono, infatti, tantissimi i tentativi di truffa dai quali tenersi lontani. Come scritto in precedenza, negli ultimi giorni sono state tante le segnalazioni da parte degli utenti. Andiamo a scoprire nel dettaglio cosa sta accadendo.

Allarme Postepay, avviso agli utenti via sms

Quello che vi mostriamo è un messaggio che arriva da Poste Italiane per fornire il codice per l’abilitazione a uno dei tanti servizi dell’app Postepay. In cosa al messaggio arrivato via sms il richiamo all’attenzione. Le truffe, infatti, sono dietro l’angolo e rappresentano un rischio concreto per gli utenti. Per questo motivo consigliamo sempre di tenere gli occhi aperti.

Leggi anche: Prelievo Postamat: attenti alla brutta sorpresa di Capodanno

Attento alle truffe: Poste non lo chiede mai, non comunicarlo a nessuno“. E’ questo il contenuto che compare nel messaggio inviato agli utenti che hanno attivato il servizio in questione.

Leggi anche: BancoPosta, stangata nel 2022: scatta una nuova ‘tassa’

Il segreto per evitare rischi è quello di far riferimento solo a comunicazioni che arrivano da fonti ufficiali. In questo caso, ovviamente, si tratta di Poste Italiane. Va da sé che per quanto concerne gli altri servizi ai quali hanno accesso gli utenti bisognerebbe affidarsi agli istituti di credito di riferimento.