Bancomat pay, come funzionano i pagamenti?

Con Bancomat pay si possono svolgere tutta una serie di operazioni con il proprio denaro senza bisogno di pin, o quasi

Carte di credito e bancomat troppo costosi, l'allarme Consumerismo No profit
Pixabay

Evolve ulteriormente la tecnologia dei pagamenti elettronici. Bancomat pay è entrato in Italia nel 2018 per semplificare i pagamenti elettronici. Si tratta di una modalità di spesa che non richiede carta fisica, basta avere un device abilitato. Per utilizzarlo l’utente deve scaricare la app tramite Google store o tramite la app della propria banca. Condizione necessaria per utilizzare il servizio è che la banca presso cui si possiede il conto aderisca alla tipologia di pagamento.

Dopo aver installato la app è richiesto scegliere un pin code per l’applicazione, inserire il proprio iban e da lì è una strada in discesa. Con Bancomat pay si può:

  • pagare negli esercizi commerciali che riportano il simbolo del servizio. Alla cassa basterà mostrare il QR code della app ed il pagamento è effettuato. Una notifica push avvertirà il cliente che la transazione è andata a buon fine;
  • spostare denaro ai propri contatti con rapidità. All’interno della app si deve accedere alla propria rubrica, selezionare il contatto telefonico con il quale si vuole scambiare la transazione è confermare il pagamento. Ovviamente anche il destinatario deve possedere Bancomat pay;
  • effettuare pagamenti alla pubblica amministrazione utilizzando il circuito PagoPa.

Leggi anche: Cosa succede se preleviamo dal conto corrente di un defunto?

Bancomat pay, c’è bisogno del pin per pagare?

conto corrente
(Getty Images)

Per effettuare i pagamenti basta portare con sé l’immancabile smartphone. Inquadrando il QR code il pagamento è fatto, non c’è bisogno di ricordare il pin come per le transazioni bancomat. Ma si deve comunque memorizzare un codice, quello della app per i pagamenti. Ed è meglio memorizzarla bene, perchè dopo 5 tentativi errati la app verrrà bloccata, e bisognerà installarla nuovamente e ripetere la procedura di attivazione.

Leggi anche: Banconota da 20 euro falsa, ecco come distinguerla

Per utilizzare il servizio è necessario che la propria banca aderisca al circuito.