Bollo auto, proroghe ed esenzioni: ecco chi può non pagarlo

Il governo Draghi ha confermato alcune agevolazioni sul bollo auto. Le Regioni hanno autonomia in questa materia

Possedete una di queste auto? attenti ai ladri
Pixabay

Il bollo auto è un’imposta che ogni proprietario di autovettura è obbligato a pagare annualmente. Alcune categorie rientrano in quelle esenti, come i disabili e i possessori di auto storiche.

L’avvento del Covid ha modificato questa consuetudine. Sin dai primi decreti il bollo auto è stato sospeso, con una serie di proroghe che arrivano fino ad oggi, e che probabilmente saranno in vigore fino al termine dello stato di emergenza, per ora stabilito al 31 dicembre 2021.

E’ importante sottolineare che lo slittamento dei pagamenti non accumula more o interessi. Chi non ha pagato il bollo auto dall’inizio dello stato di emergenza, si ritroverà a corrispondere esclusivamente l’importo, senza aggiunte supplementari.

Si ricorda inoltre, che le regioni hanno autonomia amministrativa in materia di imposta sull’automobile, quindi la gestione dei pagamenti spetta ad ogni singola regione, ad eccezione del Friuli Venezia Giulia e della Sardegna.

Leggi anche: Bonus, le scadenze per chi non ne ha ancora usufruito

Il condono fiscale ed il bollo auto

pixabay

Con il primo Decreto Sostegni, entrato in vigore a marzo 2021, poco dopo l’insediamento del governo Draghi, il premier ha sottoscritto la cancellazione delle cartelle esattoriali inevase nell’arco di tempo dal 2000 al 2010, con alcune precisazioni. Il condono fiscale è stato accordato ai debiti entro i 5.000 euro, appartenenti ai contribuenti che dichiarano non oltre i 30.000 euro annuali.

In conseguenza all’applicazione del Decreto Sostegni, milioni di cartelle esattoriali sono state cancellate in un solo colpo. Tra le imposte che non devono più essere corrisposte c’è anche il bollo auto, che per il periodo suddetto non andrà più pagato.

Leggi anche: Digitale, l’AdE attiva la piattaforma per la rottamazione tv

Per tutti gli altri, al termine delle proroghe, ripartiranno gli invii dei debiti con l’Agenzia delle Entrate, ed il bollo auto non pagato andrà a sommarsi a tutti i pagamenti non corrisposti.