Carta di credito, ecco cosa fare in caso di utilizzo indebito

Forse a molti sarà successo che la nostra carta di credito sia stata usata in maniera indebita. Ecco come comportarsi in questa situazione

Foto Pixabay

E’ capitato un po’ a tutti di trovarsi davanti un fastidioso problema che riguarda la nostra carta di credito, ovvero quando questa viene utilizzata in modo indebito.

Questo comportamento non rientra all’interno del reato di frode informatica ma rientra in una voce non prevista dal relativo articolo, ovvero il 640 ter del Codice penale.

Leggi anche: Pensione, più soldi ad agosto: ecco come visualizzare l’aumento

Utilizzo indebito della carta di credito, cosa fare

(Pixabay)

Se ci troviamo davanti un problema di utilizzo indebito della carta di credito dobbiamo far riferimento all’articolo 493 ter, titolato Indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito e di pagamento nel quale si legge che chi usa indebitamente una casa è punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa da 310 euro a 1.550 euro.

Inoltre il reato di indebito utilizzo di una carta di credito è procedibile d’ufficio: questo significa che tutti coloro che sono venuti a conoscenza dei fatti possono denunciarli. Il reato è, inoltre, di competenza, prima che dell’istituzione del giudice unico, del tribunale.

Questo reato negli ultimi anni, e in generale con l’avvento di internet e dei pagamenti on line, è cresciuto considerevolmente. Vediamo ora alcuni accorgimenti per capire se qualcuno sta usando in modo indebito la nostra carta.

Generalmente nelle transazioni online la cifra sottratta è molto modeste, a volte si parla anche di qualche centesimo. Il truffatore agisce come merchant account, cioè offre un servizio di intermediazione e riutilizza in modo illecito i numeri di carta di credito sottratti; viene utilizzato un software per generare numeri di carta di credito; si hanno dei complici nelle strutture finanziarie che gestiscono le carte di credito.

Leggi anche: Tasse, esonero contributivo per autonomi: domande fino al 31 luglio

Se dovessimo imbatterci in questa tipologia di reato il consiglio è quello di bloccare subito la carta, contattare il proprio istituto di credito e poi sporgere denuncia. Si consiglia di attivare in anticipo il servizio di alert, attraverso il quale è possibile ricevere via SMS oppure tramite mail un messaggio con il quale si viene informati in tempo reale sulle movimentazioni della propria carta.