Dichiarazione dei redditi, gli appuntamenti di giugno 2021

Il mese di giugno è colmo di appuntamenti fiscali. I contribuenti dovranno fare attenzione ad una serie di scadenze

tasse
(pixabay)

Giugno è un mese nero per i contribuenti. Si concentrano una serie di scadenze fiscali che vanno rispettate. Nonostante le proroghe governative, questo mese alcune dichiarazioni dei redditi andranno espletate.

Il primo consiglio è di verificare i precompilati disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Per accedere al portale, ci sono vari modi. Fino a settembre è possibile entrare nell’area fiscale del contribuente attraverso le credenziali dell’Agenzia delle Entrate.

Altrimenti l’accesso è possibile tramite Spid, carta d’identità elettronica o Cns, carta nazionale dei servizi.

Leggi anche: Partita Iva regime forfettario, perché utilizzare il software di fatturazione

Le scadenze fiscali del mese di giugno

tasse
(pixabay)

Le date da ricordare si concentrano nella seconda metà del mese, ovvero tra il 16 ed il 30 giugno.

Nello specifico il 16 giugno sarà la scadenza per:

  • Cedolare secca;
  • pagamento della quota canone Rai;
  • versamento Tobin Tax;
  • versamento delle ritenute alla fonte (Gestione separata);
  • liquidazione e versamento dell’IVA riferito al mese precedente;
  • il versamento della 4° rata del saldo IVA dovuta in base alla dichiarazione annuale;
  • versamento dell’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali regionali e comunali;
  • prima rata IMU.

Il 30 giugno sarà da ricordare per:

  • la presentazione, in formato cartaceo, della dichiarazione dei redditi del contribuente deceduto e della scelta per la destinazione dell’otto per mille, del cinque per mille e del due per mille dell’Irpef;
  • il versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’acconto d’imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte, senza alcuna maggiorazione;
  • il versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2020 e di primo acconto per l’anno 2021, senza alcuna maggiorazione;
  • la 3° rata bimestrale dell’imposta di bollo assolta in modo virtuale relativa alla dichiarazione presentata entro il 1° febbraio 2021;
  • l’imposta sul valore dei contratti assicurativi;
  • secondo appuntamento per chi è tenuto a pagare l’IVA.

Leggi anche: Cashback, con questa mossa non perderai i 1.500€

Per brevità d’informazione qui si sono riportate le scadenze che riguardano la maggior parte dei cittadini. Ma negli stessi giorni dovranno essere pagate anche imposte relative a casi più particolari. Per informazioni più complete si consiglia di visitare il sito dell’Agenzia delle Entrate.