Save the Children, pubblicato il Rapporto 2020 dell’Helpline minori migranti

Save the Children ha pubblicato il Rapporto 2020 dell’Helpline minori migranti: ecco tutti i dati che ne sono scaturiti.

Bambini a rischio violenza, l'allarme lanciato da Save The Children
Bambini a rischio violenza, l’allarme lanciato da Save The Children (foto: Pixabay)

Save the Children, l’associazione che da oltre un secolo lotta per salvare i bambini a rischio, ha pubblicato il Rapporto 2020 dell’Helpline minori migranti in cui si è occupata di ascoltare e supportare i minori durante il loro percorso.

Dal report emerge che gli ostacoli e le difficoltà principali che minori e neomaggiorenni si sono trovati ad affrontare ci sono stati l’interruzione di attività formative di alfabetizzazione e di istruzione.

Queste difficoltà hanno portato alla sospensione dei percorsi di integrazione, come tirocini formativi; sospensione delle attività degli Uffici Immigrazione e delle Commissioni Territoriali per il riconoscimento dello status di rifugiato; sospensione delle procedure di ricongiungimento familiare e il blocco dei trasferimenti; il mancato incontro con i tutori volontari.

Durante il 2020 la Helpline Minori Migranti ha ricevuto in totale 1.276 telefonate da parte di minori e persone adulte, i beneficiari supportati e assistiti attraverso le chiamate sono stati 1.115, di cui 608 minori (stranieri non accompagnati e accompagnati) e 507 persone adulte, tra cui personale di strutture di accoglienza, neomaggiorenni, operatori e volontari del settore che hanno chiesto principalmente un supporto nella mediazione linguistico culturale con i ragazzi.

La maggioranza dei minori, che hanno chiamato il numero verde e ricevuto assistenza, è di sesso maschile (84%) e ha 17 anni (63%). La gran parte delle richieste di aiuto alla Helpline da parte di minori sono arrivate dalla Sicilia, ben il 77%, con grandissimo distacco rispetto alle altre regioni italiane. D’altronde la Sicilia, nel 2020, si conferma la regione che accoglie il maggior numero di minori stranieri non accompagnati presenti in Italia.

Leggi anche: Decreto Sostegni Bis, proroga stop riscossione delle cartelle esattoriali

Tra i motivi principali per cui i minori si sono rivolti alla Helpline sono stati nel 38% dei casi per l’attività di mediazione linguistica; il 22% ha chiesto ausilio durante il percorso di assistenza; il 20% per ricevere consulenza e orientamento in merito alla procedura di ricongiungimento familiare e il 10% invece per lamentare difficoltà legate alle condizioni di accoglienza presso le strutture. Il 4% dei minori ha chiesto sostegno nella soluzione di problemi legati al rilascio o alla conversione del permesso di soggiorno o alle procedure documentali/amministrative.