Bizarro, il virus informatico che dal Brasile sta arrivando in Italia

Si chiama Bizarro ed è un virus informatico che ha colpito diverse istituzioni bancarie dal Brasile, tra queste anche alcune banche italiane. L’allarme lanciato da Kaspersky.

Bizarro, il virus informatico che dal Brasile sta arrivando in Italia
Bizarro, il virus informatico che dal Brasile sta arrivando in Italia (foto: pixabay)

Kaspersky lancia l’allarme per Bizarro, il nuovo virus informatico che colpisce le banche partito dal Brasile e arrivato anche in Italia. Come per molti altri malware, anche Bizarro si insinua nei sistemi informatici attraverso un link mandato per email.

Il pericolo maggiore è che il virus informatico, una volta che si è attivato, mostra dei pop-up che ricopiano in tutto e per tutto i messaggi autentici dei sistemi bancari, traendo così in inganno i clienti.

Bizarro: nuovo virus informatico bancario

Bizarro, il virus informatico che dal Brasile sta arrivando in Italia
Bizarro, il virus informatico che dal Brasile sta arrivando in Italia (foto: pixabay)

Il nuovo virus informatico Bizarro ci dimostra, come sottolineato anche da Fabio Assolini di Kaspersky, che ormai non ci sono davvero più frontiere per gli hacker che distribuiscono i propri Trojan bancari in tutto il mondo. Tra l’altro Bizarro sembra prediligere proprio gli Istituti bancari europei.

Quello che fa questo malware che arriva ai clienti come innocuo link dentro un’email è scaricare un pacchetto di funzioni da un sito appositamente creato. Una volta che questo pacchetto si è installato nel sistema operativo del cliente bancario iniziano ad apparire dei messaggi pop-up che invitano a collegarsi con il sito della banca.

Com’è chiaro intuire, si tratta di sistemi per raccogliere le informazioni sensibili dei clienti per poterle poi utilizzare a proprio piacimento.

Leggi anche: WindTre GO 100 Star Plus, minuti illimitati e 200 Sms a 7,99 euro al mese

Oltre alla raccomandazione che facciamo a tutti gli utenti di non cliccare mai sul link provenienti da email non riconosciute e non inserire mai propri dati sensibili su form inviati via mail, arrivano anche i consigli alle aziende direttamente da Kaspersky: aggiornare i team della sicurezza, aggiornare le soluzioni antifrode e portare avanti anche una campagna di informazione ed educazione alle frodi informatiche proprio rivolta ai clienti perché imparino a riconoscere e ad evitare le aggressioni.