La guerra tra Israele e Hamas sembra essere soltanto all’inizio

Le milizie israeliane hanno attaccato la Striscia di Gaza per tutta la notte. 

Pixabay

Non si ferma l’offensiva aerea di Israele sulla striscia di Gaza.

Al Jazeera racconta infatti di come Hamas stia continuando a bombardare la zona, e in particolare la parte settentrionale di Gaza City. L’agenzia di stampa ha inoltre rivelato come durante la notte di oggi 14 Maggio 2021, circa 160 aerei dell’esercito israeliano sono riusciti nello scopo di colpire un centinaio di obiettivi sensibili a nord della Striscia di Gaza, riuscendo così a danneggiare i tunnel sotterranei della città. Jonathan Conricus, portavoce delle milizie israeliane, ha dichiarato che attualmente non sono schierate truppe all’interno della striscia, a differenza di come era stato riferito in precedenza da diverse fonti autorevoli. Ma in realtà, si è trattato di una vera e propria gaffe dell’esercito, in quanto l’annuncio delle presenza dei militari sul luogo, era stato dato dal governo stesso.

Continua ad essere irremovibile il premier Netanyahu, che si dichiara tutto fuorché pentito della scelta di intraprendere un conflitto armato con Gaza: “Ho detto che avremmo fatto pagare un prezzo molto alto ad Hamas. Lo facciamo e continueremo a farlo con grande intensità. L’ultima parola non è stata detta e questa operazione proseguirà per tutto il tempo necessario”. 

Leggi anche: Nuovi bombardamenti sulla striscia di Gaza, Save the Children chiede alle istituzioni di salvare i minori dal conflitto

E diventa adesso sempre più probabile che questa guerra tra Israele e Hamas si tramuti rapidamente in un scontro sul campo. Una situazione che ha ormai raggiunto un punto di non ritorno, e su cui la comunità internazionale non riesce per il momento ad avere alcun controllo.