Supercashback, anche l’orario di acquisto incide: attenti alla beffa

Supercashback, spunta un importante dettaglio di cui non tutti sanno per la corsa ai 1.500 euro. Occhio anche all’orario di acquisto 

Bonus Cashback
Pixabay

Ultimi 8 giorni di aprile, poi la corsa al supercashback entrerà nel vivo con la tirata finale che andrà da maggio a fine giugno. E nel frattempo non mancano i colpi di scena per il concorso dei pagamenti digitali, come quello che ha visto una fiammata clamorosa nel fondo classifica che ha ribaltato tutto da un giorno all’altro. Tanti utenti, infatti, si sono visti improvvisamente fuori dalla classifica o al confine di essa La verità è che dopo Pasqua c’è stata un’accelerata generale e incredibile nella parte bassa della graduatoria, la quale ha rimischiato parecchio le carte tra i comuni mortali in corsa.

Leggi anche: Cashback, i furbetti colpiscono ancora: l’ultimo episodio 

Cashback, lo scenario in caso di parità di transazioni 

Bonus Cashback
Pixabay

Basta pensare che l’ultimissimo in classifica, adesso, conta oltre 280 acquisti in attesa del nuovo riaggiornamento della classifica. Un passo in avanti possente rispetto alle sole 220 operazioni che sempre l’ultimo conta fino a una decina di giorni fa. Così adesso si praticamente in proiezione delle 700 transazioni per il traguardo finale, con una media giornaliera di circa 6-7 compere al giorno per tenere il passo per chi è già dentro al gruppone.

Ciò che non tutti sanno, però, è che nel finale anche l’orario di acquisto può incidere sulla posizione in classifica. Il motivo è semplice: considerando il tutto, è molto probabile che si termini la competizione con lo stesso numero di transazioni di qualsiasi altro concorrente. E magari un tale scenario potrebbe realizzarsi proprio per l’ultima posizione valida per il maxi bottino. Cosa succederà in quel caso? Il Ministero dell’Economica, attraverso le FAQ relative al cashback, si è pronunciato così: “A parità di numero di transazioni valide al termine di ciascun periodo, avrà la priorità chi ha effettuato l’ultima transazione valida prima degli altri partecipanti”.

Cosa significa? Che a parità di condizioni, vincerà chi ha realizzato per primo l’ultima operazione necessaria per il piazzamento fondamentale. Facciamo un esempio immaginando che l’ultima posizione si debba decidere tra un uomo di Brescia con 702 transazioni regolari e una donna di Bari sempre a quota 702. Se il bresciano ha realizzato tale acquisto fondamentale per raggiunge le 702 transazioni alle 20.00 mentre la signora lo ha fatto alle 20.30, vincerà il primo poiché ha realizzato prima l’acquisto decisivo rispetto all’altro concorrente. Ecco perché, alla fine dei giochi, anche l’orario potrebbe essere determinante.