Le banche chiudono i conti superiori 100mila euro: chi paga la pandemia?

Alcune banche hanno iniziato a chiudere i conti superiori ai 100mila euro, sembra un suicidio eppure le ragioni ci sono tutte

(pixabay)

L’Italia si sa, è un paese di risparmiatori: questo è un clichè che negli ultimi tempi ha fatto storcere il naso qualcuno. In effetti sembrerebbe emergere dalle statistiche un quadro generale diversificato a seconda di fasce di età e di reddito.

La pandemia da Covid ha infatti fatto emergere criticità e discrepanze di una vecchia Italia risparmiatrice in cui i giovani pagano il prezzo più alto, perlomeno in termini economici.

I dati hanno infatti mostrato come in Italia le persone comprese tra i 16 e i 29 anni stanno dando fondo, nell’ultimo periodo, a gran parte del loro risparmio, mentre il capitale che giace inutilizzato nei conti bancari è aumentato per tutte le altre fasce di età. 

Leggi anche: Libretto di risparmio o conto deposito? Guida alla scelta!

Banche chiudono i conti oltre i 100mila euro, di seguito le motivazioni

(Pixabay)

Questa tendenza continua dall’inizio degli anni 2000 complice anche la crisi economica.

Ciò ha portato l’unione europea a creare misure per contrastare l’accumulazione passiva di capitale.

L’idea ovvia dietro questa volontà è che un capitale inutilizzato non può produrre nuova ricchezza, è tagliato in un certo senso fuori dall’economia reale  e in questo modo tutto il sistema ne risente.

Per ovviare a questo problema la Banca Centrale Europea impone tassi negativi, ad oggi al -0,50%, sui capitali bancari che servono per investire le eccedenze di liquidità.

In questo modo si cerca di stimolare almeno le banche ad investire il denaro depositato.

Leggi anche: Truffa banche, spunta un nuovo tentativo per svuotare il conto

Tra le varie ragioni tecniche è utile precisare che vengono preferiti i conti sotto i 100 mila euro perché questi sono quelli che vengono tutelati al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi in caso di fallimento e salvataggio interno della banca da parte dei propri azionisti, il così detto bail in.