Assegno unico, in arrivo l’arretrato: la data

L’assegno unico è in pagamento a breve per quanto riguarda l’arretrato che fa riferimento a novembre

assegno unico INPS arretrati
Assegno unico INPS, pagamenti a dicembre (Foto Pixabay)

Tempi intensi per l’ente di previdenza sociale in vista dei tanti pagamenti di queste settimane. Infatti, oltre ai pagamenti ordinari ci sono arretrati da chiudere entro dicembre e bonus da erogare sia per il primo che per il secondo provvedimento da 150 euro i cui pagamenti sono in corso.

E’ in arrivo tra gli altri, in questi giorni il pagamento arretrato dell’assegno unico di novembre per coloro che non lo hanno ancora ricevuto. C’è già una data e si tratta di martedì 6 dicembre. Per questa giornata saranno conclusi i pagamenti ordinari dell’assegno unico di competenza di dicembre.

Assegno unico, in arrivo l’arretrato il 6 dicembre

assegno unico e universale pagamento
Assegno unico e universale, pagamenti a dicembre (Foto Pixabay)

Sono due i pagamenti previsti ulteriori a quelli ordinari per l’assegno unico. Lo scorso 1 dicembre è iniziato il pagamento dell’assegno di novembre a coloro che non percepiscono il reddito di cittadinanza. Lunedì 5 dicembre è previsto il pagamento dell’assegno unico a coloro che hanno sospeso il reddito di cittadinanza ad agosto 2022.

LEGGI ANCHE: Buste paga, a dicembre stipendio triplo per questi lavoratori

L’assegno unico a partire da gennaio crescerà in maniera distinta a seconda della categoria. Infatti, per tutti ci sarà la rivalutazione al tasso di inflazione che è previsto intorno al 7,3 per cento. Poi, è previsto l’aumento di un 50% in più in caso di terzo figlio. In presenza di un neonato fino al primo anno di vita la maggiorazione sarà del 100 per cento.

LEGGI ANCHE: Assegno unico Inps, a queste famiglie il 50% in più

Tale provvedimento si orienta, quindi, ad incentivare le nascite seguendo la linea politica del partito principale del governo. L’assegno unico e universale per i figli a carico varia in base all’Isee ed ha un valore che va da 175 euro mensili a figlio per la soglia più bassa di Isee a 50 euro al mese per ogni figlio minorenne nella fascia più ampia di Isee. Per i figli dai 18 ai 21 anni l’assegno varia da da 85 euro a 25 euro.