Naspi, verso il taglio della durata

Il governo al lavoro con la legge di bilancio che è pronta per il confronto in parlamento. Brutte notizie per i lavoratori precari

Attesa Naspi
NASPI (Foto Pixabay)

La legge di bilancio non porta buone notizie per i lavoratori precari. Infatti, oltre all’introduzione dei voucher l’esecutivo ha messo gli occhi sulla durata della Naspi. Si tratta dell’indennità di disoccupazione che si percepisce quando c’è la fine involontaria da parte del lavoratore del proprio impiego.

Oggi la Naspi ha una durata massima di 24 mesi e l’indennità equivale al 75%  circa dello stipendio medio degli ultimi sei mesi prima della conclusione del contratto di lavoro. La durata, in realtà, equivale al 50% del periodo di lavoro. Ciò vuol dire che, nel caso di un lavoratore stagionale del turismo, con un contratto che va da aprile a settembre si ha diritto a due mesi e mezzo di disoccupazione.

Naspi, verso la riduzione della durata

Naspi (Foto Adobe)

L’idea del governo è ridurre questo periodo e portarlo al 25%. Il tutto in un periodo non facile per l’economia italiana. Ciò entrerebbe in vigore nel 2023 e solo per le nuove Naspi mentre per quelle iniziate nel 2022 non sarebbero modificati i criteri. Vale la pena ricordare che a novembre arriva l’anticipo della Naspi.

Leggi anche: Decreto Aiuti-quater, fondo da 80 milioni per un nuovo bonus

Infatti, i percettori della Naspi di novembre riceveranno il pagamento a fine mese. Solitamente, la Naspi viene erogata il mese successivo a quello di riferimento. Secondo la regola, quindi, la Naspi di novembre sarebbe dovuta arrivare ai percettori soltanto a dicembre, solitamente tra la seconda e la terza settimana.

Leggi anche: Smart working, tra bollette e inflazione: la protesta dei lavoratori

Per quanto riguarda invece il bonus da 150 euro, una recente circolare dell’Inps ha stabilito che i percettori di Naspi di novembre riceveranno il bonus da 150 una tantum nel mese di febbraio. Si dilatano, quindi i pagamenti dell’Inps, alle prese in queste settimane con diverse erogazioni. E’ possibile conoscere il giorno esatto dei pagamenti della Naspi sul portale dell’Inps alla pagina personale. La data esatta può essere consultata al proprio fascicolo previdenziale online con identità SPID, CNS o CIE.