Reddito di cittadinanza, rinvio delle modifiche: quando partiranno

La modifica del reddito di cittadinanza rientra tra i principali obiettivi del nuovo governo di destra guidato da Meloni

reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza, prime modifiche in legge di bilancio (Foto Gov.it)

Il governo Meloni è al lavoro per la legge di bilancio. Si tratta del provvedimento più importante tra quelli programmati annualmente. Infatti, la legge permette di distribuire le risorse dello Stato nell’anno che verrà indicando gli indirizzi e i programmi da attuare e con quali risorse nel dettaglio.

La legge di bilancio va approvata entro il 31 dicembre del 2022 ma occorre presentarla in tempo utile alle Camere per dare la possibilità di presentare emendamenti, ossia proposte di modifica. La legge di bilancio di quest’anno non avrà molti margini di manovra. Gran parte dei provvedimenti saranno indirizzati a confermare gli interventi del precedente governo sulle bollette.

Reddito di cittadinanza, nessuna novità nel breve periodo

reddito di cittadinanza modifiche meloni
Reddito di cittadinanza, nessuna riforma a breve termine (Foto PIxabay)

Tuttavia, il nuovo esecutivo ci tiene a dare un segnale di discontinuità con il passato. Uno dei temi in tal senso è senza dubbio la riforma del reddito di cittadinanza. Intanto il sussidio è passato dall’abolizione totale della campagna elettorale alla riforma. Inoltre, prima di rimodulare l’intero sussidio cambiandone anche il nome come segnale di discontinuità è intenzione del governo iniziare ad apportare delle modifiche.

Leggi anche: Tutti i pagamenti INPS di novembre: il calendario completo

Tuttavia, tali novità per i percettori del reddito inizieranno soltanto a partire dal mese di luglio. Fino al 30 giugno non dovrebbe cambiare nulla per i percettori del reddito di cittadinanza. Successivamente, le modifiche riguarderanno sostanzialmente i single che percepiscono il reddito. Infatti, a costoro sarà tolto il sussidio alla prima proposta di lavoro rifiutata.

Leggi anche: Decreto Aiuti-quater, fondo da 80 milioni per un nuovo bonus

Nulla dovrebbe cambiare, quindi per le famiglie con minori o con persone dai 60 anni in avanti. Al massimo cambierà il nome del sussidio per dare un senso di cambiamento e discontinuità più formale che sostanziale. Tuttavia, dal taglio del reddito ai single in età compresa tra i 18 e i 59 anni si presume di recuperare 1,8 miliardi.