Caffé, ecco dove pagarlo 70 centesimi

L’inflazione ha portato al rialzo anche il costo del caffé al banco che in molti casi tocca anche 1,50 euro

caffè
Caffè (Foto Pixabay)

I costi dell’energia alle stelle per diversi mesi hanno generato inevitabilmente inflazione con l’aumento generalizzato dei prezzi. Più volte durante quest’anno produttori e riveditori hanno dovuto rivedere i listini dei prezzi. Il tutto a danno dei percettori di reddito fisso che hanno visto perdere potere d’acquisto alle loro mensilità.

Ad aumentare sono stati anche i prezzi dei beni a più largo consumo come la semplice tazzina di caffè al banco del bar. Infatti, la media del prezzo è salita a oltre 1,20 ma al Nord soprattutto è molto diffuso il prezzo di 1,50 a tazzina. Un rincaro enorme se si pensa al fatto che, prima del passaggio all’euro, una tazzina costava mediamente 1.400 Lire, circa 70 centesimi di euro equivalenti.

C’è chi vende il caffè a 70 centesimi: “Per noi è un diritto di tutti”

caffè ocratossina
Caffè (Foto Pixabay)

Tuttavia, esiste ancora un bar dove il caffè si può pagare ancora 70 centesimi. Si trova in Piemonte, a Cossato, una frazione del Comune di Biella. Infatti al bar Fante di Cuori i coniugi Paldino da 27 anni intrattengono i loro clienti con l’attività del bar nella frazione biellese.

Leggi anche: Fitti alle stelle, spunta la soluzione per gli studenti

Nonostante i sacrifici di lunga data i coniugi non se la sono sentita di aumentare nel tempo la tazzina del caffè ai loro clienti: “Abbiamo voluto mantenere invariato il costo del caffè da quando costava 1.500 lire –dice a La Stampa la signora Rosina -. Con l’entrata in vigore dell’euro, abbiamo calcolato il cambio: da allora non abbiamo mai voluto cedere ai rincari e non lo faremo nemmeno adesso. Siamo in due, senza dipendenti e per il momento riusciamo a far quadrare i conti”. 

Leggi anche: Non solo aumento del tetto: nuova mossa a favore dei contanti

I coniugi sono consapevoli del valore del caffè che è un diritto secondo il loro modo di vedere e va riconosciuto anche a coloro che non lavorano tutti i giorni. Un gesto nobile in un momento in cui portando anche soltanto un piccolo rincaro ma sotto la media attuale del prezzo nessuno avrebbe avuto da ridire.