Pensione INPS direttamente sul conto corrente

L’INPS diventa sempre più digitale ed accelera al massimo nello sviluppo dei servizi connessi a partire da quelli relativi alla pensione ed all’erogazione dell’ISEE corrente. Tutti i dettagli

Pensioni INPS consumatore.com 20221116
Pensioni INPS (Foto AdobeStock)

Con l’arrivo del 2023 l’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, in acronimo INPS, promette di dare l’accelerata definitiva nella digitalizzazione dei processi per accedere ai servizi che eroga.

Un processo iniziato, ormai, nella lontana prima metà degli Anni Novanta con l’avvento di Internet, accelerato, alla fine degli Anni Dieci del nuovo Secolo, con la nascita e lo sviluppo dell’Home banking, consolidato, tra il 2018 ed il 2020, con la diffusione degli smartphone in tutti gli strati della popolazione.

C’è poi il periodo delle pandemia da coronavirus un periodo che di fatto ha “costretto” anche i cittadini più restii alle innovazioni ad accedere ai servizi primari. Il motivo era chiaramente legato all’impossibilità di recarsi fisicamente presso gli uffici territoriali dell’INPS e, purtroppo, anche presso le banche e gli uffici postali.

Pensione INPS, è possibile accreditarla sul conto

Inevitabile quindi da parte dell’Istituto diretto da Pasquale Tridico la necessità di rendere il più facili possibili tanto l’accesso quanto l’utilizzo dei servizi. In particolare quelli per le fasce più avanti in età della popolazione.

LEGGI ANCHE: Diesel, arriva la novità per gli automobilisti

Sono arrivate in tal senso una serie di scelta. La prima, strategica, quelli di eliminare il PIN per l’accesso ai servizi MyINPS. La seconda altrettanto strategica quella di proporre l’accesso solo ed esclusivamente con SPID o Carta CIE, prevalentemente la prima.

La terza, fondamentale, quella di “spingere” i titolari di assegno pensionistico ad interrompere il vecchio e consolidato ritiro del contante dagli uffici postali ma di farlo accreditare direttamente in conto corrente.

LEGGI ANCHE: Vuoi scoprire come risparmiare in 5 mosse: molto facile

Questa scelta oltre a ridurre tutta una serie di difficoltà, le lunghe file per persone anziani e fragili, i rischi connessi ai furti ed agli scippi, gli assembramenti di persone con salute meno salda di un tempo per non tacere della certezza dell’erogazione all’effettivo titolare del trattamento di quiescenza.

L’accredito in conto corrente, sia esso bancario o postale, è facilissimo è sufficiente entrare sul sito INPS, accedere alla pagina dedicata ed indicare i dati dell’IBAN dove si vuole ricevere la propria pensione. Ed il gioco è fatto