Poste italiane, cosa succede al conto quando muore il titolare

Se un nostro parente era titolare di un conto alle Poste ed è poi deceduto dobbiamo procedere alla Dichiarazione di Successione

Poste Italiane
Poste Italiane (Foto Adobe)

Quando un nostro parente viene a mancare siamo sopraffatti dal dolore ma anche da tutta una serie di adempienze che dobbiamo svolgere. Tra questi c’è sicuramente l’organizzazione del funerale a cui seguono le richieste di certificato di morte da consegnare al comune e varie comunicazioni all’Agenzia delle Entrate, se il defunto percepiva la pensione o lavorava e, in qualche caso, anche a Poste Italiane.

Se il defunto aveva un conto aperto presso Poste Italiane, allora bisognerà fare una apposita dichiarazione per poter poi aprire la pratica di successione. Questo avviene perché nel momento del decesso dell’intestatario del conto Poste lo chiude in automatico, bloccando l’operatività su tutti i rapporti riconducibili al de cuius.

Poste Italiane e Dichiarazione di Successione: ecco come procedere

Poste Italiane
Poste Italiane (Foto Facebook Poste Italiane)

Dal momento che Poste blocca l’operatività su tutti i conti che erano intestati al defunto è necessario presentare una apposita comunicazione di Successione per poter accedere al conto. Ai fini della predisposizione della Dichiarazione di Successione per l’Agenzia delle Entrate è necessario richiedere la Dichiarazione di Credito presso un ufficio postale abilitato o anche online.

La Dichiarazione di Successione non è invece necessaria se sussistono congiuntamente le seguenti condizioni: l’attivo ereditario non supera il valore di € 100.000 e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari o se l’eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto (discendenti o ascendenti, no fratelli/sorelle).

Leggi anche: Aumenti bollette luce e gas: cosa accade ai morosi?

Sono due i documenti fondamentali per poter accedere al conto del defunto: la Dichiarazione di Successione rilasciata dall’Agenzia delle Entrate e la Dichiarazione di diritto all’esonero per il possesso dei requisiti di Legge da sottoscrivere presso l’ufficio postale. La Dichiarazione di Credito deve essere presentata all’Agenzia dell’Entrata, per poter ottenere la Dichiarazione di Successione, ed è rilasciata da Poste Italiane.

Leggi anche: Auto, arriva la stangata da ottobre: la novità

La Dichiarazione di Credito attesta i saldi alla data del decesso dei rapporti e titoli riconducibili al de cuius e rilevanti ai fini della presentazione della Dichiarazione di Successione. Questa dichiarazione potrà essere richiesta o in ufficio postale o direttamente online dagli eredi o dai soggetti legittimati.

Per la Dichiarazione di Credito vanno presentati i documenti e codice fiscale del richiedente; i dati anagrafici del de cuius; certificato di morte; dichiarazione sostitutiva di Atto Notorio autenticata in Comune oppure Atto Notorio rilasciato dal Notaio. Come detto, la Dichiarazione di Credito può essere richiesta anche online sul sito di Poste Italiane e la si riceverà tramite mail.