Pensione INPS, quanto si percepisce con 33 anni di contributi

L’importo della pensione dipende da molti fattori. Per i nuovi lavoratori il principale è la quantità di contributi versati

pensione INPS calcolo 33 anni contributi
Pensione INPS (Foto Pixabay)

Molti lavoratori vogliono sapere quanto avranno di pensione, ed a che età poter andare. Dopo l’addio a Quota 100 e Quota 102 l’età pensionabile torna a 67 anni. I lavoratori che vogliono accumulare un importo maggiore possono rimanere in servizio fino ai 71 anni, se il datore di lavoro lo consente. Per fare il calcolo delle pensioni, l’INPS mette a disposizione dei contribuenti un servizio online che simula l’importo inserendo anni di contributi e retribuzione media.

Oltre alla retribuzione ed agli anni di contributi, le pensioni dipendono dal tipo di calcolo che il percorso lavorativo prevede. Fino al 1996 il calcolo era sia contributivo che retributivo, quindi misto. Se si possiedono almeno 18 anni di contributi versati alla data 1996, il sistema retributivo è applicato fino al termine del 2011. Se si possiedono meno anni prima del 1996, il sistema retributivo è applicato fino al 31 dicembre 1996. Per i contributi successivi al 2011 o al 1995 si applica, poi, quello contributivo.

Pensione INPS, i calcoli con 33 anni di contributi

pensione INPS calcolo 33 anni contributi
Pensione INPS (Foto Pixabay)

Si possono fare degli esempi. In generale chi ha accesso al calcolo misto può avere una pensione più alta di chi avrà la pensione contributiva pura. Tenendo da parte questo fattore, determinante ma che implica troppe variabili, si può tentare un conto di quanto spetta di pensione con 33 anni di contributi versati. L’altra variabile fondamentale è la retribuzione media durante tutta la carriera lavorativa. Includendo questo fattore, una persona che ha versato 20 anni di contributi potrebbe ottenere una pensione maggiore di chi ne ha accumulati 33.

Leggi anche: Come sapere quando finisce la NASPI: la data esatta

Con 33 anni di contributi, se si applica solo il sistema contributivo e la retribuzione media è di 2.000 euro al mese, si parla di un montante contributivo di 283.140 euro. Che facendo i calcoli sugli anni di lavoro sarà come segue:

  • andando in pensione a 62 anni si avrà diritto a una pensione mensile di 1.038 euro lordi;
  • andando in pensione a 64 anni si avrà un assegno di 1.102 euro lordi al mese;
  • accedendo a 66 anni l’assegno mensile sarà pari a 1.174 euro lordi.

Leggi anche: Sorpresa cedolino INPS ottobre: cosa troveranno i pensionati

Con il calcolo misto invece la pensione è maggiore. Solo che è bene per avere una cifra precisa accedere al portale INPS, dove il simulatore oltre al calcolo approssimativo terrà presente anche le specifiche del singolo caso.