Ristoranti, il “trucco” per risparmiare una cifra importante

Al ristorante spesso le cifre da pagare cambiano in base al motivo per il quale ci si è riuniti in un momento conviviale

ristoranti bar
Ristoranti, il trucco degli sposi (Pexels)

La cultura insita nella nostra società spesso ci pone davanti a situazioni che, riflettendo, non sono molto giuste o razionali. Spesso certe azioni vengono ripetute quasi per abitudine o perché, come si usa dire, “si è sempre fatto così”. Tra le tante incongruenze che vengono ripetute per tradizione c’è la spesa per i matrimoni.

Infatti, ragionando, gli stessi servizi acquistati per un motivo che non sia un matrimonio o altra cerimonia hanno un prezzo notevolmente più basso. In alcuni casi sono giustificati da un servizio di maggiore qualità e quantità che viene garantito. Tuttavia, una coppia di sposi ha trovato il modo di pagare il banchetto del matrimonio ad un prezzo normale.

Gli sposi prenotano senza dichiarare il motivo

ristoranti
Ristoranti, il trucco degli sposi (Pexels)

In un ristorante sulla via Appia, a Roma, una coppia di sposi ha prenotato un pranzo per 20 persone senza specificarne il motivo. Quando si sono presentati vestiti in abito da sposi il proprietario del ristorante ha specificato che avrebbero dovuto avvisarli. Tuttavia, nessuna norma obbliga delle persone a specificare il motivo di una prenotazione al ristorante.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, cosa può accadere ora con Giorgia Meloni?

La coppia di sposini ha giustificato la cosa affermando che loro non avevano intenzione di fare un pranzo particolare o speciale. Infatti, hanno deciso anche per ragioni economiche di svolgere un pranzo tra intimi e senza chiedere menu particolari. Tuttavia, nonostante chiedessero un servizio normale non appena affermavano fosse un matrimonio i prezzi si moltiplicavano. In effetti, loro chiedevano un servizio normale, senza alcuna aggiunta.

Leggi anche: Nuovo bonus bollette da 600€: chi può farne richiesta

“Non appena dicevo che era per un pranzo di nozze, aumentava il prezzo”, ha spiegato lo sposo all’edizione romana del Corriere della Sera: “Per questo ho deciso di prenotare senza dire che ci saremmo sposati la mattina”. Una mossa che ha trovato spiazzato il ristoratore che non ha potuto fare altro che accettare la mossa degli sposi.