Pensioni INPS ottobre, calendario Poste: chi l’avrà in ritardo

Fra pochi giorni partirà la nuova tornata; ma oltre i nuovi importi i pensionati troveranno anche ritardi. Vediamo perché

Pensioni INPS ottobre, chi l'avrà in ritardo
Pensioni INPS (Foto Adobe)

Il mese di settembre sta volgendo rapidamente a termine. A breve, si aprirà dunque la nuova settimana per il ritiro delle pensioni INPS. Si tratterà di un ritiro davvero particolare, per un mese cruciale sul piano delle novità introdotte. Le consegne avverranno invece con le consuete modalità, per le quali alcuni pensionati si recheranno presso l’ufficio postale secondo il calendario con l’ordine alfabetico dei cognomi, per ricevere l’importo in contanti.

Diversamente, altri pensionati dovranno solamente attendere il rateo tramite l’accredito diretto dell’INPS sul conto corrente personale. Il mese di ottobre, dopo gli annunci del governo dell’Ente previdenziale, si presenta come il mese presso il quale viene ufficializzata la rivalutazione degli importi pensionistici rivolta a tutti gli anziani contribuenti, sebbene in misura differente per ciascuno.

Pensioni INPS ottobre, calendario Poste: due giorni di ritardo per questi percettori

Pensioni INPS ottobre, chi l'avrà in ritardo
Pensioni INPS (Foto Adobe)

Annunciata già dal luglio scorso, la revisione degli importi secondo gli indici ISTAT conosce, in questo anno, un netto anticipo rispetto alla consuetudine, a causa della netta avanzata dell’inflazione, aggravata dalla crisi internazionale. Un problema che si riflette innanzitutto sulle casse dell’Istituto, le quali devono soddisfare i percettori di bonus, delle misure assistenziali e devono ora farsi carico degli adeguamenti.

Leggi anche: Bonus 150 euro, può riceverlo anche chi ha partita iva?

Per ridurre l’impatto, il governo, con il Decreto Aiuti bis, ha spostato di un trimestre indietro l’erogazione dei nuovi importi, riducendo un impatto sulle risorse dello Stato, le quali dovranno comunque confrontarsi con un’inflazione che viaggia verso il 15 per cento, entro la fine del primo trimestre del prossimo anno. Ad oggi, la percentuale applicata agli aumenti è pari al due cento.

Leggi anche: Novità bollette, ora si potranno pagare anche così: l’aiuto

Tale adeguamento significherà un innalzamento fino a 175 euro per le pensioni più alte, e di circa – soltanto – 11 euro per le pensioni minime. Questi cambiamenti, comporteranno ad ottobre uno slittamento di due giorni (3 ottobre 2022), a partire da coloro che si fanno accreditare la pensione e i cui cognomi iniziano con le lettere A, B e C. Per coloro che si presentano alle Poste, questo è il calendario ufficiale: sabato 1° ottobre 2022, A-C; lunedì 3 ottobre 2022, D-K; martedì 4 ottobre 2022, L-P; mercoledì 5 ottobre 2022, Q-Z.