Superbonus, documenti non pronti il 30 settembre: cosa accade?

Il 30 settembre è il giorno di una scadenza importantissima per quanto riguarda i documenti del Superbonus: ecco cosa accade se ce ne dimentichiamo

superbonus
superbonus (Foto Pixabay)

Finalmente sembrano essere stati sciolti tutti i nodi relativi al Superbonus 110% ed ora è il momento di riprendere i lavori nei cantieri. Nonostante che tutti coloro che usufruiscono del bonus possono tirare un sospiro di sollievo con la riapertura dei cantieri, non devono dimenticarsi di una data molto importante, quella del 30 settembre.

La data del 30 settembre è infatti quella di una scadenza da non sottovalutare: entro questa data dovrà essere raggiunto il 30% dei lavori previsti per non incappare in spiacevoli sorprese. Entro questa data bisognerà quindi consegnare dei documenti importanti. Ecco cosa accade se ce ne dimentichiamo.

Superbonus, i documenti da presentare entro il 30 settembre

superbonus
superbonus (Foto Pixabay)

Mancano ormai solo pochissimi giorni alla data del 30 settembre, data importantissima per coloro che hanno usufruito del Superbonus 110%. Entro questa data coloro che hanno utilizzato il bonus edilizio dovranno presentare, attraverso apposita documentazione, che è stato effettuato almeno il 30% dei lavori previsti dal progetto iniziale. Ricordiamo che entro la fine del 2022 dovrà essere invece terminato tutto il lavoro.

Leggi anche: Comprare casa qui costa ‘solo’ 40.000 euro: l’occasione

Questo perché con il Dl Aiuti è stato modificato il comma 8 bis dell’art. 119, D.L. n.34/202. Con questa modifica è stato stabilito che il Superbonus può essere usufruito anche riguardo le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022. Al contempo, però, entro il 30 settembre deve essere completato almeno il 30% dei lavori. Se questo non accade allora il Superbonus potrà valere solo per le spese fatte entro il 30 giugno 2022.

Leggi anche: INPS, quali pensionati potranno avere il bonus da 150€

Entro il 30 settembre è necessario quindi dimostrare il raggiungimento della percentuale dei lavori. Saranno presi in considerazione dalla Commissione consultiva tutti i lavori e non solo quelli che riguardano il Superbonus. Questo significa che saranno inclusi anche i lavori agevolati al 50 e al 65% e non solo.

Per dimostrare il raggiungimento del 30% dei lavori non sono sufficienti solo le ricevute di pagamento ma dovrà essere mostrata la documentazione firmata dal direttore dei lavori. Questa documentazione dovrà poi essere inviata tramite pec sia all’impresa che al committente.