Pensioni, da ottobre più soldi sull’assegno: tutti gli aumenti

A partire dagli assegni di ottobre le pensioni avranno l’anticipo delle rivalutazioni previste per gennaio 2023

Pensioni (Foto Adobe)

L’inflazione sta riducendo il potere di acquisto mettendo in difficoltà coloro che percepiscono redditi bassi e medio bassi. Quest’anno a causa degli aumenti vertiginosi del gas sono cresciuti tutti i prezzi a catena innescando l’inflazione. Il Governo italiano è intervenuto a più riprese attraverso misure di sostegno ai redditi più bassi e alle imprese più soggette alle conseguenze degli aumenti.

Tra i provvedimenti decisi è arrivato l’anticipo della rivalutazione delle pensioni. Infatti, il meccanismo delle pensioni prevede di norma la rivalutazione al tasso di inflazione medio dell’anno che si attua a gennaio. Tuttavia, dato l’incremento notevole dei prezzi si è deciso di anticipare in parte l’aumento previsto a gennaio del 2023 per effetto delle rivalutazioni.

Rivalutazioni parziali da ottobre: a quanto ammontano

pensione reversibilità ottenere 100%
Pensione (Foto Pixabay)

E così, dagli assegni di pensione percepiti ad ottobre sarà applicato un tasso di rivalutazione del 2% nella forma di anticipo della rivalutazione di gennaio 2023. Ecco la griglia che indica dei riferimenti per cogliere la sostanza degli aumenti da ottobre che si registreranno sugli assegni da pensione:

Leggi anche: RdC, bonus 200€ entro Natale? Cosa fa sapere l’INPS

  • Per chi percepisce 524,35 euro ammonterà a 10,487 euro.
  • Per chi percepisce 800 euro ammonterà a 16 euro.
  • Per chi percepisce 1.000 euro ammonterà a 20 euro.
  • Per chi percepisce 1.500 euro ammonterà a 30 euro.
  • Per chi percepisce 2.000 euro ammonterà a 40 euro.
  • Per chi percepisce 2.500 euro ammonterà a 50 euro.

Leggi anche: Novità per le mamme che tornano a lavoro: annuncio INPS

Questi aumenti partiranno dalle mensilità di ottobre e termineranno a dicembre. Successivamente, ossia da gennaio, le rivalutazioni saranno calcolate al tasso medio annuo del 2022. Gli aumenti saranno più consistenti. Per quanto riguarda il calendario delle pensioni da ritirare presso gli uffici postali in base alle iniziali die cognomi ecco la griglia:

  • Sabato 1 ottobre   i cognomi che vanno dalla A alla B.
  • Lunedì 3 ottobre  i cognomi che vanno dalla C alla D.
  • Martedì 4 ottobre i cognomi che vanno dalla E alla K.
  • Mercoledì 5 ottobre  i cognomi che vanno dalla L alla O.
  • Giovedì 6 ottobre i cognomi che vanno dalla P alla R.
  • Venerdì 7 ottobre  i cognomi che vanno dalla S alla Z.