Accensione termosifoni Marche: date e orari da rispettare

Stretta termosifoni anche nelle Marche dove ci saranno date e orari da rispettare per poter riscaldare gli ambienti

Data e ora termosifoni Marche
Accensione termosifoni Marche (Foto Consumatore.com)

Come più volte ripetuto in questi giorni il riscaldamento per la stagione invernale che arriverà, non sarà come negli anni passati. Il piano Cingolani porterà una stretta sul riscaldamento dovendo seguire orari e date in base alla regione di appartenenza. Le nuove norme entreranno in vigore entro il 22 settembre 2022 con un decreto del ministro della Transizione ecologica.

Saranno principalmente tre i cambiamenti ai quali si dovrà assistere: si dovrà posticipare di 8 giorni la data di accensione del riscaldamento e anticipare di 7 quella nella quale si spengeranno (così da risparmiare ben 15 gironi di attività), ci sarà un 1°C in meno nel riscaldamento di edifici commerciali e case (ovvero 17°C per gli edifici industriali, assimilabili e artigianali, e 19°C per tutti gli edifici), infine la riduzione di un’ora nella durata giornaliera di accensione dei riscaldamenti.

Termosifoni Marche, date e orari 

Termosifoni Marche
Termosifoni (Foto Adobe)

Il piano inoltre prevede la divisione come detto, in zone climatiche che verranno suddivise in base alla media delle temperature giornaliere basandosi sul valore dei gradi-giorno, ovvero la differenza nell’arco di un anno tra le temperature esterne e quelle interne. Le zone saranno nominate con lettere partendo dalla più calda con la “A” (600 gradi-giorno), “B”(tra i 600 e i 900 gradi-giorno), “C” (tra i 901 e i 1400 gradi-giorno), “D” (tra i 1401 e i 2100 gradi-giorno), “E” (tra i 2101 e i 3000 gradi-giorno) e “F” (3001 gradi-giorno). Ogni area avrà il suo quantitativo di ore giornaliere di riscaldamento.

Leggi anche: Termosifoni, quando si accendono al Nord: le nuove regole

Leggi anche: Digitale terrestre, chi non vede i canali può avere un rimborso?

Basandosi quindi sul piano nazionale, le Marche rientrano per gran parte delle zone nell’area “E” avendo accesso al riscaldamento per 13 ore giornaliere, partendo dal 22 ottobre 2022 al 7 aprile 2022. Nella Regione però ci sono zone più calde che rientreranno della fascia “D” e alcune in quella “F”. Ecco le fasce di appartenenza per province:

  • Fermo: la “divisione” della provincia più o meno si trova all’altezza di Rapagnano e Monte Giberto. Ad ovest la fascia sarà “E” (riscaldamento per 13 ore giornaliere dal 22 ottobre al 7 aprile 2022). Ad est ovvero verso il mare, la fascia sarà “D” (riscaldamento per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al7 aprile 2022).
  • Ascoli-Piceno: anche qui la provincia è “divisa”. Ascoli Piceno, i comuni in linea d’aria e quelli ad ovest di questa città arrivando fino ad Arquata del Tronto, apparterranno alla fascia “E” (riscaldamento per 13 ore giornaliere dal 22 ottobre al 7 aprile 2022). I comuni ad est di Ascoli Piceno verso la costa faranno parte della fascia “D” (riscaldamento per 11 ore giornaliere dal’8 novembre al 7 aprile 2022). Una piccola parte rientrerà nella fascia “F”, ovvero quella più fredda non avendo alcun limite nell’accensione dei riscaldamenti.
  • Ancona: fascia “E” (riscaldamento 13 ore giornaliere dal 22 ottobre al 7 aprile 2022).
  • Pesaro-Urbino: fascia “E” (riscaldamento 13 ore giornaliere dal 22 ottobre al 7 aprile 2022).
  • Macerata: la zona che comprende il comune di Macerata e confini con la provincia di Ancona, comuni di Sarno e Monte San Martino, il mare e Caldarola, apparterranno alla fascia “D” (riscaldamento per 11 ore giornaliere dall’8 novembre al 7 aprile). Il resto della zona sarà fascia “E” (riscaldamento 13 ore giornaliere dal 22 ottobre al 7 aprile 2022).