Bollette, gas gratuito in Italia per chi vive in questo posto

L’idea di poter avere gas a prezzo ridotto o praticamente gratuito sembra fantascienza ma in realtà gli abitanti di questi Comuni potranno presto vedere dimezzata la propria bolletta. Ecco perchè

Gas gratuito
Gas gratuito (foto Pexels)

Viviamo ormai da diversi mesi una situazione per cui tutti guardiamo con apprensione al famoso mercato di Amsterdam dove si contratta sul prezzo del gas dato che questo, per un meccanismo che lo lega all’energia elettrica, influisce su tutte le utenze.

Eppure c’è una piccola isola felice, potremmo definirla così, nel nostro Paese: alcuni Comuni in cui un accordo tra amministrazione e società private porterà un grande beneficio ai cittadini. Vediamo allora come è possibile, per chi vive in Basilicata, vedersi tagliare e quasi azzerare le bollette del gas e soprattutto perchè non è una soluzione praticabile ovunque, purtroppo.

Gas gratuito o quasi, l’accordo tra Regione Basilicata e produttori

Gas gratuito
Gas gratuito (foto Pexels)

Il sud del nostro Paese è da tempo piagato dallo spopolamento. Scarse infrastrutture, poche prospettive lavorative e la percezione di scarsa sicurezza hanno portato negli anni molte famiglie a spostarsi altrove. E di certo la situazione attuale con il gas alle stesse e le bollette che lievitano non aiuta.

Leggi anche: Iliad, cambiano i prezzi per l’inflazione? L’annuncio ai clienti

Ed è proprio per aiutare i cittadini della regione Basilicata e allo stesso tempo incentivare nuovi abitanti a trasferirsi che la Regione ha stretto con le importanti società petrolifere, ENI e Total, che operano in questo territorio un accordo che permette di ridurre e quasi azzerate i costi dell’energia per quanto possibile. Gli abitanti della Basilicata non si troveranno con un gas completamente gratuito in bolletta, ma la misura voluta dalla Regione e che entrerà in vigore ad ottobre, permette sicuramente di dimezzare le spese.

Leggi anche: Avviso TimVision: in arrivo un rimborso a molti clienti

Per poter avere queste agevolazioni sono stati aperti un bando per ricevere un contributo per rimborsare i cittadini della componente energia delle bollette, dall’accordo sono escluse le tasse e gli oneri di sistema. E per chi non utilizza il gas per il riscaldamento domestico e non può quindi usufruire di questo sconto ci sono alcuni incentivi per aumentare la diffusione del fotovoltaico per la produzione di energia elettrica e del solare termico per avere invece acqua calda sanitaria sfruttando sempre il sole.