INPS, bonus 1.000€ una tantum per i lavoratori: chi riguarda

Una particolare categoria di lavoratori può fare domanda per ricevere dall’INPS un bonus da mille euro una tantum

bonus soldi
bonus soldi (Foto Unsplash)

Sono tante le misure messe in campo dal governo per aiutare i lavoratori e pensionati in questo particolare periodo storico che il nostro Paese sta vivendo. Inflazione e rincaro delle materie prime stanno facendo diventare i portafogli degli italiani sempre più vuoti.

Se da una parte il Dl Aiuti ha previsto un bonus da 200 euro una tantum, dall’altro lato c’è un bonus da mille euro che possono richiedere alcuni lavoratori. Questo bonus può essere richiesto entro novembre 2022 tramite apposita domanda all’INPS. Vediamo chi può richiederlo e come fare.

Bonus da 1.000 euro: ecco come presentare domanda

bonus soldi
bonus soldi (Foto Unsplash)

Il Bonus da 1.000 euro una tantum è riservato ai lavoratori fragili che, in base all’articolo 26, comma 2, del Dl 18/2020 si sono assentati dal lavoro a fronte di certificato medico nel corso del 2021 e hanno superato il limite massimo di giorni indennizzabili dall’Inps (180). Il bonus riguarda quindi i lavoratori che si sono assentati dal lavoro e non hanno ricevuto nessun sostegno economico.

Leggi anche: Bonus 200€, ecco chi lo riceverà ad agosto: la sorpresa

Gli interessati possono presentare domanda entro il 30 novembre 2022 e dovrà essere compilata esclusivamente in modalità telematica. Si potrà presentare domanda su sito web dell’INPS accedendo con le credenziali SPID, CIE e CNS; tramite il Contact center integrato o tramite gli Istituti di Patronato.

Colui che fa domanda deve inserire, nell’apposita sezione, i dati anagrafici, la residenza ed i contatti personali. Nella sezione “Dichiarazione”, invece, devono essere rese tutte le dichiarazioni che spiegano di essere in possesso di tutti i requisiti previsti dalla disciplina normativa vigente per richiedere la prestazione, quelle relative alla posizione lavorativa prevalente nel 2021.

Leggi anche: INPS, novità per le famiglie dal 13 agosto: l’annuncio

Per quanto riguarda invece il pagamento, il bonus sarà erogato tramite l’accredito sull’IBAN di colui che ne ha fatto domanda e che dovrà essere intestato o cointestato al richiedente stesso. Nel caso in cui la richiesta di accredito è verso un paese extra Italia ma in Area Sepa, il beneficiario della prestazione è tenuto ad allegare anche il modulo di identificazione finanziaria.