Decreto aiuti bis: arriva il nuovo Bonus 200 euro da ottobre

Con il Dl Aiuti bis il bonus da 200 euro una tantum sarà erogato anche ad ottobre ma solo per queste persone

bonus 200 euro
bonus 200 euro (Foto Unsplash)

Buone notizie per le categorie di lavoratori che in prima istanza erano risultate non idonee a percepire il bonus da 200 euro una tantum previsto dal Dl Aiuti emanato dal governo Draghi. Il bonus, che dovrebbe aiutare gli italiani in questo particolare momento storico contrassegnato da una crisi socio – economica, non è stato erogato ancora a tutti.

I primi a ricevere il bonus, e puntuali sulla tabella di marcia, sono stati i pensionati. Poi ad inizio agosto è stata la volta dei dipendenti pubblici mentre mancano ancora all’appello gli autonomi. Adesso si parla anche di una estensione del bonus ad altre categorie di lavoratori: il tutto dovrebbe essere inserito nel Dl Aiuti bis.

Bonus 200 euro: cosa cambia con il Dl Aiuti bis

bonus 200 euro
bonus 200 euro (Foto Unsplash)

Come riporta Il Sole 24 Ore il Dl Aiuti bis, presentato ieri al Consiglio dei Ministri, il bonus una tantum sarà ampliato ad altri destinatari e, nello specifico, a tutti coloro che sono rimasti esclusi dal primo Dl Aiuti. Nello specifico sono stati 25 i milioni messi a disposizione del governo per ampliare il bonus.

Leggi anche: Bonus 200 euro: in arrivo gli arretrati

Ne beneficeranno 125 lavoratori dipendenti che, nonostante avessero un reddito inferiore ai 35mila euro, nei primi sei mesi dell’anno non hanno beneficiato dell’esonero contributivo previsto dalla legge di bilancio 2022, in quanto interessati da eventi come la maternità o cassa integrazione e coperti solo figurativamente dall’Inps.

Leggi anche: Assegno Sociale Inps: puoi ottenere fino a 6mila euro

Quindi non riceveranno il Bonus da 200 euro una tantum i neoassunti ma solo coloro che erano rimasti esclusi dal bonus perché indennizzati dall’INPS nei primi 6 mesi dell’anno e, quindi, privi dello sgravio contributivo dello 0,8% nel periodo che era indicato dal Dl Aiuti. Attraverso questa manovra il governo vuole quindi riparare alla disparità di trattamento in cui erano incappati alcuni dipendenti.

Ricordiamo infine che tutti questi dipendenti riceveranno il bonus da 200 euro una tantum in maniera automatica ma sulla base di una autodichiarazione, nella retribuzione che sarà loro erogato nel corso del mese di ottobre.