Come poter risparmiare fino a 25 € in bolletta

Arrivare a fine mese è sempre più difficile e si cerca in tutti i modi di far quadrare i conti. E’ possibile risparmiare in bolletta?

Come risparmiare fino a 25 euro in bolletta
Come risparmiare in bolletta (Foto Pixabay)

La situazione economica che vivono la maggior parte degli italiani non è la più rosea. La crisi energetica e produttiva che si è abbattuta sul Paese, non sembra volersi arrestare e i rincari sono sempre più frequenti. Gli aumenti riguardano la quotidianità trovando difficile tentare di tamponare le uscite. Dal carburante agli alimenti, è un’arduo compito riuscire ad arrivare a fine mese senza alcun tipo di debito.

Si rinuncia a qualche cena fuori, al nuovo vestito o a qualsiasi sfizio. Si resta a galla a malapena, incrementando però l’insoddisfazione generale provocata dalla fatica messa nel lavoro che poi però si trasforma solo in una continua corsa per poter pagare i conti. Un modo per riuscire a mettere da parte qualche soldo è indubbiamente risparmiare in bolletta, ma come si può fare?

Come risparmiare in bolletta

Risparmiare fino a 25 euro in bolletta ecco come
Fare i conti a fine mese (Foto Pixabay)

Fare economia in bolletta è possibile, raggiungendo anche i 25 euro di risparmio. Facendo un breve calcolo, ogni trimestre il risparmio sarà di 75 euro che a fine anno vedrà un totale di 300 euro. Un cifra per nulla irrisoria che farebbe comodo a chiunque tenere da parte. Ma come poter fare?

Come prima cosa assicurarsi di fare corretta manutenzione agli elettrodomestici e impianti presenti in casa, in modo da garantirne il corretto uso e prevendendo gli sprechi. Si potrebbe anche pensare di acquistare filtri per i rubinetti e nuovi soffioni doccia, così da prevenire perdite nell’utilizzo dell’acqua. Inoltre ridurre gli sprechi, ovvero ad esempio accendere la luce all’interno di una stanza solo se strettamente necessario e spengerla quando si lascerà l’ambiente.

Leggi anche: Bonus 200 euro: in arrivo gli arretrati

Prestare attenzione ai riscaldamenti e all’aria condizionata. Nel primo caso cercare di limitare le ore di accensione durante la giornata e impostare un grado in meno durante la stagione invernale. Nel secondo caso fondamentale e non solo per la spesa da sostenere ma anche per la salute, non tenere acceso il condizionatore durante la notte. Importante anche impostare solamente qualche grado di differenza rispetto l’esterno, anche in questo caso oltre ad un consumo eccessivo si rischieranno anche malanni che non gioveranno alla salute.

Ricordarsi anche che oggetti come computer, televisori, forno o console gioco anche se spenti consumeranno comunque energia, quindi si potrebbe pensare di staccare la spina così da risparmiare anche in piccola quantità. Utilizzare lavastoviglie, lavatrice e asciugatrice solo quando il carico sarà pieno così da evitare sprechi.

Leggi anche: Canone Rai, arriva il rimborso ma è finto: persi 34 mila euro

Infine, ma non di certo per importanza, si potrebbe pensare di installare impianti per un efficientamento energetico, ad esempio fotovoltaico o eolico per uso domestico. Molte le detrazioni fiscali e sussidi governativi che possono aiutare nell’ammortizzare la spesa. Potrebbe sembrare importante il costo, ma sul lungo tempo i benefici saranno molti, sia per l’ambiente che per il portafoglio.