Pensioni Inps, nuovi aumenti in arrivo: di cosa si tratta

Trovato un accordo tra sindacati e governo per un nuovo aumento sugli assegni della pensione

Pensioni (Foto Pixabay)

Il governo non ha più la fiducia del Parlamento e in questo caso la Costituzione italiana prevede il ritorno alle urne quando non si riesce a formare una maggioranza in grado di sostenere un esecutivo. Tuttavia, le norme prevedono che il governo uscente resti in carica per gli affari correnti per evitare un vuoto esecutivo in attesa che il percorso elettorale faccia il suo corso.

Inoltre, l’attuale governo può godere di ulteriori poteri concessi in via straordinaria dal Capo dello Stato. Infatti, dato il momento straordinario in cui si trova l’Italia con una guerra che la coinvolge, l’inflazione e la pandemia che non è del tutto sconfitta, il governo può intervenire con provvedimenti di necessità e urgenza legati a queste tematiche.

Pensioni, arrivano le rivalutazioni anticipate

Pensioni (Foto Pixabay)

A tal proposito è in via di definizione un nuovo decreto Aiuti che dovrà legiferare sugli strumenti per contenere gli effetti dell’inflazione. A tal fine c’è stato un confronto tra parti sociali e governo uscente per trovare un accordo sulle azioni da intraprendere. C’è, infatti, un tesoretto da 14 miliardi proveniente dal maggiore gettito di iva prodotto con l’inflazione che l’esecutivo intende utilizzare.

Leggi anche: Assegno unico agosto, queste persone lo riceveranno solo a settembre

Tra le decisioni prese c’è l’opportunità per i pensionati di ricevere un aumento sull’assegno a partire già da settembre. Si tratta della rivalutazione della pensione prevista per gennaio del 2023 che si anticiperà per agevolare i pensionati. La rivalutazione delle pensioni è un meccanismo automatico che scatta ogni anno in presenza dell’inflazione. La normativa prevede l’adeguamento delle pensioni al costo della vita.

Leggi anche: INPS, perché molti pensionati non ricevono la quattordicesima

Stando agli accordi presi, quindi, le pensioni potrebbero avere u aumento già dagli assegno di settembre. In tal modo i pensionati con assegni medio-bassi e bassi potranno affrontare l’aumento dei prezzi e del costo della vita con qualche certezza in più. Il provvedimento rientrerà nel decreto Aiuti bis che è in via di definizione.