Busta paga, molti troveranno una sorpresa ad agosto

Ad agosto potrebbe esserci una busta paga più ricca. Merito di una misura pubblica che ha coinvolto anche il mese più caldo dell’anno

busta paga più ricca agosto
Busta paga (Foto Pixabay)

Ormai stare dietro a bonus e misure di sostegno diventa difficile. Specialmente perché la maggior parte di esse hanno dei tempi e delle modalità specifiche per effettuare la richiesta. Ad esempio l’assegno unico ha raggruppato i bonus precedenti, compresi gli assegni per il nucleo familiare che venivano erogati in busta paga. Non raramente le istituzioni hanno utilizzato i datori di lavoro come intermediari per far accedere al bonus, rimborsando successivamente gli stassi del denaro anticipato.

E così succedeva anche per gli assegni al nucleo familiare, fino a quando non li ha presi in mano l’Inps e sono usciti dalla busta paga, ed accreditati a parte in uno spcifico periodo del mese. Il caso dell’assegno unico con il datore di lavoro come sostituto pubblico per i bonus non è l’unico. Anche il bonus 200 euro per alcuni ha lo stesso funzionamento.

Busta paga, il bonus antinflazione per il mese di agosto

busta paga più ricca agosto
Busta paga (Foto Pixabay)

Cosa sta succedendo? Il mese di luglio, quello in cui tutti avrebbero dovuto ricevere i 200 euro per fronteggiare l’inflazione, è praticamente terminato e molte categorie sono rimaste scoperte. In particolare gli autonomi, ma anche molti lavoratori dipendenti che non hanno ricevuto nulla di più nella busta paga di luglio. Mentre i dipendenti pubblici, il cui sostituto d’imposta è direttamente il Ministero dell’economia e delle finanze, lo hanno già avuto, come anche i pensionati, i dipendenti del settore privato sono rimasti indietro.

Leggi anche: INPS offre cassa integrazione per il troppo caldo: come ottenerla

Questo perché solo un mese e mezzo fa è stata ufficializzata la necessità per il settore privato di un’autocertificazione che dichiarasse sotto la propria responsabilità che i requisiti di reddito e di non avere altre pensioni erano rispettate, per poi far procedere il datore di lavoro con l’erogazione in busta paga.

Leggi anche: Sorpresa bonus 200€: queste persone non lo riceveranno dall’INPS

Un altro nodo riguardava i neo assunti. Nel testo, requisito per il bonus 200 euro era che si fosse beneficiato dell’esonero contributivo dello 0,8% nel primo quadrimestre dell’anno. Che corrispondeva ad una busta paga inferiore ai 35.000 euro annui. Quindi i neo assunti erano automaticamente tagliati fuori. In seguito ad una correzione, sono stati reintegrati. I neo assunti riceveranno ad agosto i 200 euro in busta paga.