Casa danneggiata dal terremoto, lo Stato rimborsa il proprietario?

Quando una casa è danneggiata da un terremoto, con entità variabile, sono necessari interventi. Lo Stato aiuta?

terremoto risarcimento casa
Terremoto (Foto Pixabay)

Il terremoto è una calamità naturale, ed in quanto tale almeno sulla carta non imputabile all’intervento umano. Il problema dei terremoti è che nonostante le ricerche ed i centri di monitoraggio antisismici, è un fenomeno con un’alta percentuale di imprevedibilità. Ciò che si può prevedere invece, sono le allerte nelle zone sismiche, di cui l’Italia è piena. Città storiche costruite sul tufo, con uno strato vuoto sottostante che amplifica il fenomeno, creando episodi distruttivi.

In Italia tra i più recenti senza dubbio il più disastroso è stato il terremoto dell’Aquila nel 2009. L’Italia è piena di luoghi ad alto rischio sismico, e l’unica forma di prevenzione, è la costruzione di nuovi edifici antisismici, caratteristica che tutte le nuove costruzioni dovrebbero avere. Ma cosa succede se da una scossa si verificano danni all’appartamento? Chi risarcisce?

Terremoto, chi risarcisce i danni agli edifici

terremoto risarcimento casa
Terremoto (Foto Pixabay)

La legge in questo campo è controversa. Lo Stato interviene solo nelle zone in cui è stato decretato lo stato di calamità naturale, quindi i centri nevralgici distrutti dal terremoto, come ad esempio l’Aquila o la zona di Amatrice. In quel caso vengono disposti aiuti pubblici per la ricostruzione e lo spostamento della popolazione nei container. Ma sono eventi fortunatamente non così frequenti.

Leggi anche: Bonus nido INPS, perché molti pagamenti sono ancora bloccati

Le scosse che possono causare danni anche a largo raggio, con danni non così ingenti, invece sono più comuni. In quel caso lo Stato non interviene. Se ci si trova in una casa di recente costruzione, ed in seguito ad un terremoto si sono sviluppate crepe o rotture di muri, ci si può rivalere sul costruttore entro 10 anni dall’ultimazione dell’edificio. Difatti per legge tutti gli immobili nuovi devono essere costruiti con materiali antisismici.

Leggi anche: Mutuo, cosa succede se non si paga l’ultimissima rata?

Altrimenti un suggerimento è di sottoscrivere una polizza assicurativa contro i terremoti, in particolare se ci si trova in zone altamente sismiche. In caso di danni provocati dal terremoto sarà la compagnia assicuratrice a provvedere alle riparazioni. Oppure si può usufruire dei bonus terremoto, ristrutturando l’appartamento in modalità antisismica. Lo Stato rimborserà sotto forma di detrazione fiscale fino all’80% della cifra investita per gli interventi.