Quanti soldi ci sono in totale in un bancomat?

Qual è la quantità di contante necessaria per il funzionamento di uno sportello bancomat? Focus sui dettagli

Prelievo bancomat
Bancomat (Foto Pixabay)

Il bancomat, o sportello automatico, è un sistema automatico di prelievo di soldi in contante dal conto corrente bancario o postale (in tal caso si può parlare di Postamat) attraverso una carta di debito. Il funzionamento è garantito oltre i consueti orari di servizio della banca e in luoghi diversi da quello dove si trova l’istituto bancario con il proprio conto corrente.

Gli sportelli bancomat sono collegati in rete telematica in grandi circuiti di prelievo di denaro contante. Il più conosciuto in Italia è il circuito di prelievo denominato Bancomat di proprietà del Consorzio Bancomat. Molto diffusi anche il circuito Postamat di Poste italiane, il V-Pay e il Cirrus-Maestro.

I soldi contanti in uno sportello bancomat

Prelievo bancomat
Bancomat (Foto Pixabay)

La cifra contenuta negli ATM (altra denominazione con cui si indica uno sportello bancomat, acronimo inglese che sta per Automated Teller machine) varia da istituto a istituto. Ogni banca stabilisce la cifra massima e i tempi e la frequenza di carico della liquidità. Per questa operazione si tiene conto della media dei prelievi effettuati al giorno e in settimana. Si somma una scorta di giacenza che consideri i picchi di prelievo al di sopra delle medie settimanali.

Quindi il deposito di denaro contante necessario a soddisfare le richieste di prelievo in una settimana si ottiene, aggiungendo alla cifra di giacenza settimanale, precedentemente rilevata, una scorta di sicurezza. Un servizio di alto livello prevede picchi di prelievo alti e quindi scorte di liquidità maggiori. Fermo restando che non è possibile quantificare con esattezza la cifra contenuta in uno sportello bancomat.

Leggi anche: Busta paga, quando arriverà il rimborso del 730

Si può dire che le scorte troppo elevate negli sportelli automatici bancomat rappresentato un costo per l’istituto bancario, in quanto sono un immobilizzo di liquidità. Queste somme difatti non possono essere utlizzare per prestiti e investimenti dalla banca. Forse questo è  uno dei motivi per i quali a volte i prelievi non sono possibili.

Leggi anche: Bonus 200€, l’INPS pagherà anche queste persone: la sorpresa

Quindi si deve tener presente per i prelievi dagli sportelli automatici bancomat e per  le possibili interruzioni del servizio, del periodo e della località dove è posizionato l’ATM.  In determinate fasi dell’anno (vacanze, festività, ponti) e in luoghi con elevati afflussi di clientela (centri storici, centri commerciali, stazioni, aeroporti ecc) i picchi di prelievo maggiore sono più frequenti e i disservizi più probabili.