Assegno unico INPS: in quali casi la domanda può decadere subito

L’assegno unico universale può decadere quando vengono veno alcuni requisiti necessari per ottenere lo strumento

Assegno unico universale (Foto Pexels)

L’assegno unico universale per i figli a carico è il nuovo strumento che permette alle famiglie di ricevere un aiuto in presenza di figli.  Il nuovo strumento rispetto al passato ha allargato la platea dei beneficiari, assegnando l’assegno anche ai genitori che lavorano autonomamente.

Inoltre, sono state distribuite diversamente le risorse favorendo le famiglie con più di due figli a carico. Sono arrivate anche novità per quanto riguarda le modalità di accesso alla risorsa. Infatti, decade la mediazione del datore di lavoro. L’accesso all’assegno si ottiene inoltrando direttamente la richiesta all’Inps.

Assegno unico, i casi di decadenza

Assegno unico universale (Foto Pexels)

Esistono die casi in cui l’assegno unico può decadere. Intanto al compimento del 22simo anno di età da parte del figlio non ha più diritto all’assegno unico universale. Inoltre, l’assegno decade in un caso specifico dei percettori del reddito di cittadinanza. Infatti, l’assegno unico spetta anche ai percettori del reddito di cittadinanza anche se in misura ridotta.

Leggi anche: INPS, come sapere quanto manca alla propria pensione

Quando i percettori del reddito di cittadinanza si trovano al termine dei diciotto mesi di beneficio, si ritroveranno anche con la decadenza della domanda inoltrata attraverso il modulo predisposto per ricevere l’assegno unico. In tal caso, dovranno inoltrare la domanda per ottenere l’assegno unico universale ordinario per il periodo in cui non percepiscono più il reddito di cittadinanza.

Leggi anche: Assegno unico INPS, arretrati figli disabili: quando arriveranno

Nel caso in cui venga nuovamente assegnato il reddito di cittadinanza, decade la domanda effettuata e sarà necessario inviare nuovamente il modulo specifico per i percettori del sussidio statale che intendono ricevere l’integrazione dell’assegno unico. La nuova procedura dell’assegno unico universale ha riscontrato alcune difficoltà nell’integrazione dell’assegno ai percettori del reddito di cittadinanza.

L’assegno unico universale è uno strumento nuovo sia nella sua composizione sia nei criteri e nelle modalità di richiesta ed erogazione. Nel tempo l’ente erogatore, ossia l’Inps, sta superando le criticità anche perché l’assegno unico nasce anche con l’intento di semplificare la burocrazia legata agli strumenti di sostegno alle famiglie.