Poste, arriva il buono 3 anni plus: guadagni e come funziona

Il buono fruttifero postale può essere utilizzato anche per far maturare denaro come forma di investimento sicuro

buono postale
Buono (Foto Pixabay)

Il buono fruttifero postale è una modalità di investire la liquidità. Da quando la Banca centrale europea ha portato i tassi d’interesse in negativo, non è più così conveniente tenere liquidità depositata su un conto corrente bancario. Tanto più che oltre 5mila euro liquidi, esiste un’imposta di bollo, corrispondente a 34,50 euro annuali per le persone fisiche e 100 euro per le imprese, società e titolari di partita iva.

Per cui investire denaro senza dover stare dietro alle oscillazioni del mercato può essere una buona soluzione anche per non pagare l’imposta di bollo. Si possono investire nei buoni fruttiferi postali, con una rendita non altissima ma sicura. I buoni sono garantiti dallo stato e non soggetti a spese, né d’apertura né di mantenimento, ad eccezione delle aliquote esclusivamente sui tassi di interesse maturati, ovvero sui guadagni.

Buono postale, quanto si guadagna: un esempio

buono postale
Buono (Foto Pixabay)

Il buono fruttifero postale 3 anni plus consente alcuni vantaggi, tra cui investimenti a breve – medio termine ed ottenere interessi. Il denaro può essere riscattato in qualunque momento, ma prima dei 3 anni non si ottiene alcun interesse. Il prodotto consente:

  • Con una durata di 3 anni, di investire nel breve periodo garantendo rendimenti certi;
  • Si può chiedere il rimborso del Buono in qualsiasi momento, si avrà diritto alla restituzione del capitale investito e alla scadenza dei 3 anni, anche agli interessi maturati.

Leggi anche: Buoni fruttiferi Poste 4×4: quanto puoi guadagnare con 1.000€

Inoltre permette di fare un investimento senza il rischio di perdere il denaro. Nella peggiore delle ipotesi non si avrà guadagnato nulla ma non si sarà speso nulla:

  • Non si hanno costi di sottoscrizione o rimborso dei Buoni fruttiferi postali a eccezione degli oneri di natura fiscale;
  • I Buoni sono soggetti a una tassazione agevolata del 12,50% sugli interessi e sono esenti da imposta di successione.

Leggi anche: Libretto Poste, l’errore che può farti trovare il conto svuotato

Per fare un esempio, se si decide di investire 1.000 euro, con il buono 3 anni plus si ottengono 1.026,51 euro senza spese. si ricorda che ​con la durata di 3 anni gli interessi sono riconosciuti solo a scadenza