Crisi di Governo, il reddito di cittadinanza al centro del dibattito

Sono ore decisive per il governo di Mario Draghi. E’ in corso il dibattito al Senato dove al centro è finito anche il reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza (Foto Ansa)

Sono ore decisive per il governo Draghi. E’ in corso il dibattito al Senato della Repubblica tra le forze politiche. C’è già stato l’intervento di Mario Draghi che ha aperto l’aula e il confronto tra le parti a Palazzo Madama durante la mattinata. La situazione è molto incerta perché l’equilibrio tra tutte le parti non si può ristabilire facilmente.

Insieme alle incertezze della tenuta del governo sono incerti anche i provvedimenti per il futuro. Intanto il premier ha fatto die riferimenti ad uno dei provvedimenti chiave di questa legislatura, ossia il reddito di cittadinanza, lo strumento di lotta alla povertà in vigore dal 2019.

Reddito di cittadinanza, cosa accadrà nel 2023

Reddito di cittadinanza (Foto Ansa)

In merito al reddito il premier ha ricordato che il reddito di cittadinanza è uno strumento importante di lotta alla povertà. Tuttavia, Draghi guardando ad un accordo per un proseguimento del suo governo ha ricordato che, a suo avviso, il reddito di cittadinanza va modificato affinché vada sul serio a coloro che ne hanno bisogno.

Leggi anche: Casello autostrade, multa da oltre 1.000€ con questo gesto

Una sorta di anticipo di quelle che sono le intenzioni del governo per la legge di bilancio da approvare nei prossimi mesi in caso di proseguimento dell’attuale esecutivo. Tuttavia, sul reddito di cittadinanza è partito anche qualche attacco da parte di altre fazioni politiche che non condividono la misura dichiarando la necessità di una profonda modifica della misura di sostegno.

Leggi anche: ISEE da 15.000 euro, quanto ti spetta di assegno unico?

Il reddito di cittadinanza resta aggrappato all’attuale governo per la sua esistenza per il 2023. Inoltre, in ogni caso ci saranno dei cambiamenti per il nuovo anno qualora l’attuale governo dovesse sopravvivere alla crisi che sta vivendo da ormai una settimana a questa parte. Stasera si avrà già un esito con le votazioni al Senato della Repubblica. A Palazzo Madama arriverà il segnale di ciò che sarà domani alla Camera dei Deputati a piazza Montecitorio.