Assegno unico, molti non lo sanno: bonus per i genitori lavoratori

Esiste un bonus, che riguarda entrambi i genitori lavoratori, relativo all’erogazione dell’Assegno unico. Attenzione al dettaglio

Assegno unico
Assegno unico (Foto Pixabay)

L’Assegno unico universale ha un importo variabile a seconda del numero dei figli componenti il nucleo familiare, dell’ISEE dichiarato e di alcune maggiorazioni che variano di caso in caso. L’incremento economico del contributo quindi si modifica per il numero dei figli a carico, per la presenza di disabili e per l’età dei genitori, per il reddito.

Esso riunisce i vari bonus familiari erogati nel passato (il Premio alla nascita, l’Assegno di natalità, l’Assegno per il nucleo familare, le detrazioni per i figli a carico al di sotto dei 21 anni, l’Assegno per i tre figli, con l’unica eccezione del bonus asilo nido). Tra le maggiorazioni previste dalla normativa in vigore si possono ricordare quella a favore dell famiglie con più di due figli a carico, la maggiorazione per la presenza di disabili nel nucleo familiare, quella per le madri con meno di 21 anni.

Bonus per i genitori lavoratori, la maggiorazione dell’Assegno unico

Assegno unico
Assegno unico (Foto Pixabay)

Esiste un’ulteriore e poco nota maggiorazione possibile. Se entrambi i genitori risultano lavoratori l’Assegno unico è incrementato di 30 euro mensili per ogni figlio minorenne. La misura è versata completamente se l’ISEE risulta pari o inferiore ai 15 mila euro all’anno. Per importi superiori la maggiorazione si assottiglia progressivamente, fino a scomparire con un ISEE pari a 40 mila euro annui.

Leggi anche: Assegno unico INPS: come ottenere un aumento mensile

La maggiorazione esiste anche per le famiglie con genitori lavoratori agricoli autonomi. Ampliando la casistica dei redditi da pensione e da lavoro, anche prodotti all’estero, rilevanti alla presentazione della domanda per l’Assegno unico. Come chiarisce l’INPS stesso sulle sue pagine on line.

Leggi anche: Assegno unico INPS: quali genitori non lo riceveranno

Altra annotazione da tener ben presente è che l’Assegno unico e universale viene destinato in uguale misura tra coloro che svolgono la responsabilità genitoriale, vale a dire l’affidamento condiviso dei figli. Tuttavia, gli interessati possono decidere che l’INPS versi il beneficio  interamente solo a uno dei due, attestando l’accordo tra le parti durante la procedura. Quindi la maggiorazione dell’Assegno unico per i genitori entrambi lavoratori è una opportunità prevista dall’ordinamento da non dimenticare e sfruttare.