Ibuprofene, attenzione: non può essere associato a questi farmaci

L’ibuprofene, di cui ora si parla tantissimo per contrastare i sintomi delle ultime varianti del covid-19, è un principio attivo molto utilizzato in tantissimi farmaci ma è bene conoscere quelli che sono i rischi derivanti da possibili interazioni con altri principi attivi e in caso di alcune patologie pregresse specifiche

ibuprofene
Ibuprofene (foto Youtube
FarmaceuticaMente Official)

Come ogni principio attivo e ogni farmaco, anche l’ibuprofene, un antinfiammatorio molto diffuso e versatile può provocare effetti collaterali e può entrare in contrasto con tutta una serie di farmaci. Ci sono poi da non sottovalutare anche le controindicazioni dovute a eventuali condizioni patologiche preesistenti.

Conoscere quelli che sono i potenziali effetti derivanti dall’utilizzo di questo principio attivo in concomitanza con altre situazioni e altri farmaci può mettersi al riparo pericoli e rischi per la salute, soprattutto perché l’ibuprofene è un farmaco acquistabile senza obbligo ricetta medica e può quindi essere percepito come innocuo.

Ibuprofene, controindicazioni e avvertenze nell’utilizzo

ibuprofene fa male
Ibuprofene (foto Pexels)

Questo farmaco rientra nella cosiddetta categoria dei farmaci FANS ovvero gli antinfiammatori non steroidei. Si tratta quindi di un farmaco che va ad agire sugli enzimi che provocano l’infiammazione. Viene comunemente utilizzato nei casi di mal di testa, dolori mestruali, traumatici e post-partum o post operatori. Come qualunque altro farmaco può provocare effetti collaterali e tra i più riconosciuti ci sono quelli a carico dell’apparato gastrointestinale tra cui nausea e vomito. Un altro effetto collaterale è quello sulla fertilità.

Leggi anche: Tachipirina, mai prenderla con questo: rischio intossicazione

Ma oltre agli effetti collaterali che vanno conosciuti per poterli affrontare al meglio, ci sono anche le cosiddette avvertenze dovute alla interazione con altri farmaci o in caso di specifiche patologie. L’ibuprofene viene per esempio sconsigliato nei casi di patologie gastrointestinali conclamate, insufficienza renale, asma e anche in particolare nelle donne in gravidanza che abbiano raggiunto il terzo trimestre.

Leggi anche: Mascherine, ancora obbligatorie fino al 31 agosto: ecco dove

Trattandosi di un FANS è poi controindicato assumerlo contemporaneamente ad altri farmaci della stessa categoria nonché insieme all’acido acetilsalicilico perchè interferisce con esso. Altri farmaci con cui è bene evitare interazioni sono gli antipertensivi, gli antivirali, gli anticoagulanti cumarinici e poi anche le ciclosporine, i diuretici, alcuni antidepressivi come il litio.