Spese scolastiche, bonus da 800 euro: come ottenerlo

Dal 23 maggio è possibile ottenere fino a 800 euro per le spese scolastiche effettuate per l’istruzione dei propri figli

Spese scolastiche pulmino
Spese scolastiche (Foto Pixabay)

Si avvicina l’occasione per molte famiglie italiane di ottenere dallo Stato la restituzone delle spese scolastiche sostenute per istruzione ed educazione dei propri figli. Coinvolge tutti i genitori con figli fiscalmente a carico. Figli  che abbiano un reddito annuo non superiore  non inferiore a 2840,51 euro, al di là dalla convivenza o meno col genitore.

Per i ragazzi maggiorenni, fino a 24 anni di età, il limite del reddito, per essere fiscalmente a carico, passa a 4000 euro all’anno. È con la dichiarazione dei redditi 2021, con il modello 730, che famiglie possono richiedere la detrazione delle spese scolastiche, quelle universitarie e  quelle per gli asili nido.

Detrazione fino a 800 euro per le spese scolastiche

Spese scolastiche mensa
Spese scolastiche (Foto Pixabay)

La detrazione del 19 per cento  è per i costi sostenuti per la frequenza a scuola. Mentre si possono detrarre fino a 800 euro tutte le spese relative alle tasse di iscrizione e frequenza, quelle per la mensa e tutti i tipi di contributi pre e post scuola, per esempio i  corsi extracurricolari, l’uso del pulmino, le gite scolastiche e la mensa.

Leggi anche: Bonus nido INPS, nuovo obbligo: senza non scatta il pagamento

Per ottenere le detrazioni è buona consuetudine conservare scontrini, bollettini e bonifici di versamento in cui sia riportato l’importo speso da allegare alla dichiarazione. Per la mensa invece occorre che nel bonifico o bollettino postale siano presenti nome e cognome dell’alunno, classe frequentata, causale con scritto servizio mensa scolastica e beneficiario della somma.

Leggi anche: INPS, bonus centri estivi: si può fare ancora domanda?

Se il pagamento è avvenuto in altre forme (bancomat o carte di credito), bisognerà documentare la spesa con l’attestazione del soggetto che ha ricevuto il pagamento. Il quale dovrà indicare nel documento il totale della spesa e i dati dell’alunno che ha beneficiato del servizio. Nel modello 730  la sezione da compilare per ottenere le detrazioni sono  la I, rigo da E8 ad E10, con i codici delle spese scolastiche, quelle universitarie e per gli asili nido.