Assegno unico INPS: chi si troverà con la domanda decaduta a breve

La domanda inoltrata per ottenere l’assegno unico universale per i figli a carico va inviata di nuovo in certi casi

Assegno unico (Foto Pexels)

L’assegno unico universale per i figli a carico ha cambiato lo scenario degli strumenti a sostegno delle famiglie. Infatti, l’intervento del legislatore è teso ad allargare la platea dei beneficiari, assegnando l’assegno anche ai genitori che lavorano autonomamente. Inoltre, sono state distribuite diversamente le risorse favorendo le famiglie con più di due figli a carico.

A cambiare sono state poi anche le modalità di accesso alla risorsa. Infatti, decade la mediazione del datore di lavoro. L’accesso all’assegno si ottiene inoltrando direttamente la richiesta all‘ente erogatore, ossia l’Inps. L’assegno unico spetta anche ai percettori del reddito di cittadinanza anche se in misura ridotta.

Assegno unico, ecco quado decade la domanda

Assegno unico (Foto Pexels)

Infatti, si tratta di un’integrazione rispetto all’assegno unico in misura ordinaria. I percettori del reddito di cittadinanza che riceveranno l’assegno unico seguono una procedura diversa rispetto a quella ordinaria che ha subito anche delle modifiche in essere. Infatti, dal 28 aprile è necessario presentare un modulo ad hoc per ottenere l’assegno.

Leggi anche: Bonus 200€ direttamente in busta paga? Cosa succede

Inoltre, i percettori del reddito di cittadinanza che si trovano al termine dei diciotto mesi di beneficio, si ritroveranno anche con la decadenza della domanda inoltrata attraverso il modulo predisposto per ricevere l’assegno unico. In tal caso, dovranno effettuare la domanda per ottenere l’assegno unico universale ordinario per il periodo in cui non percepiscono più il reddito di cittadinanza.

Leggi anche: Naspi, a luglio in arrivo 300€ in più. Ma non per tutti

Nel caso in cui venga nuovamente assegnato il reddito di cittadinanza, decade la domanda effettuata e sarà necessario inviare nuovamente il modulo specifico per i percettori del sussidio statale che intendono ricevere l’integrazione dell’assegno unico. Una procedura alquanto tortuosa che potrebbe semplificarsi nel tempo.

Infatti, l’assegno unico universale è uno strumento nuovo sia nella sua composizione sia nei criteri e nelle modalità di richiesta ed erogazione. Nel tempo l’ente erogatore, ossia l’Inps, supererà le criticità anche perché l’assegno unico universale nasce anche con l’intento di semplificare la burocrazia legata agli strumenti di sostegno alle famiglie.