Busta paga, bonus 200 euro: chi li riceverà solo a settembre

Il bonus da 200 euro prevede il pagamento una tantum a diverse categorie di lavoratori. I tempi di erogazione, però, sono distinti

Bonus (Foto Pexels)

Il bonus da 200 euro è un provvedimento teso ad alleggerire in parte gli aumenti che i cittadini stanno sopportando a causa dell’inflazione. Si tratta di un bonus che sarà erogato una tantum e fa parte di un pacchetto di provvedimenti deciso nel decreto Aiuti e energia dello scorso maggio.

I tempi di erogazione e le modalità non saranno, pero, gli stessi per tutti. I pensionati, ad esempio, lo riceveranno in automatico senza dover fare nulla e direttamente sugli assegni da pensione di luglio. I lavoratori dipendenti, invece, in parte dovranno presentare una dichiarazione ai datori di lavoro che certifichi la sussistenza delle condizioni per ricevere il bonus.

Bonus 200, chi lo riceverà a settembre

Bonus (Foto Pexels)

Gli autonomi sono ancora in attesa di ricevere certezze circa le modalità di fruizione del bonus,. Punto in comune a tutti i lavoratori è il tetto massimo di reddito personale, e non Isee, entro il quale bisogna rientrare per avere il bonus, ossia 35.000 euro lordi. C’è una categoria di lavoratori, poi, che riceverà il sostegno soltanto a settembre.

Leggi anche: Non solo bonus 200: buste paga più ricche per questi lavoratori

Si tratta dei braccianti agricoli che dovranno aspettare qualche settimana in più per avere il bonus. A confermare il tutto è il sindacato Uila che ha precisato in una nota: “Non è stata ancora pubblicata la circolare applicativa, ma secondo le indicazioni dell’Inps i braccianti riceveranno il bonus con un bonifico a parte, presumibilmente entro il mese di settembre 2022, e non insieme alla disoccupazione agricola”. 

Leggi anche: INPS, fino a 1400 euro di bonus per andare in vacanza

Non sarà invece necessaria alcuna domanda o dichiarazione. In tal senso il sindacato avverte gli interessati di prendere le distanze da faccendieri vari che si fanno avanti parlando di obbligo di dichiarazione. Confermato anche il requisito necessario per questa categoria per avere il bonus.

il requisito principale è la presenza dell’assegno di Disoccupazione Agricola 2022. Solo i braccianti che ricevono il sostegno possono avere anche il bonus. Nel caso in cui il bracciante non è in disoccupazione ma ha lavorato almeno 50 giorni oppure quattro mesi, può chiedere il bonus in qualità di lavoratore stagionale.