Beffa superbonus, fondi ultimati: cosa succede adesso

I fondi per il superbonus sono terminati, ed è in forse che vengano stanziati nuovamente. Il punto della situazione

superbonus fondi finiti
Superbonus (Foto Pixabay)

Il Superbonus ha talmente invogliato condomini e privati ad efficientare le proprie abitazioni che i fondi disposti hanno superato il plafond iniziale di 400 milioni di euro. Erano stati stanziati 33,3 miliardi di euro, e per il momento le prenotazioni da restituire sono per il valore di 33.7 miliardi di euro. Ciò che ha reso davvero appetibile il Superbonus è stato quel 10% in più che nel corso degli anni si poteva recuperare. Oltretutto per i privati con la possibilità di non spendere praticamente nulla.

Le banche avevano la possibilità di effettuare la cessione del credito, così come le aziende che effettuavano i lavori, applicando direttamente lo sconto in fattura. E così è iniziato l’efficiantamento energetico di molti condomini. Ed il superbonus è stato riapprovato dalle finanziarie di diversi anni, anche se con regole sempre più stringenti.

Superbonus, perché al momento non conviene

superbonus fondi finiti
Superbonus (Foto Pixabay)

Innanzitutto si crea il problema dell’avanzamento e il portare a compimento le opere. Il Superbonus verrà rimborsato solo ed esclusivamente se i lavori rispettano le tappe di avanzamento previste e se il progetto viene ultimato nei tempi stabiliti. E questo può sembrare ovvio ma non lo è. I lavori di efficientamento possono incontrare problematiche non previste, in conseguenza alle quali si rischia di non ricevere alcun rimborso dallo Stato. E questo è un problema principalmente per le aziende che hanno applicato lo sconto in fattura.

Leggi anche: Bonus 200 euro, cosa deve fare chi ha due rapporti di lavoro?

Inoltre il premier Mario Draghi non nasconde le sue perplessità sul superbonus. Per cui non è detto che in futuro non possa essere sospeso. Inoltre c’è da ricordare che con il tasso di inflazione alle stelle, e con l’aumento del costo del denaro, quel 10% in più da recuperare in 10 anni nel tempo perda di valore e dunque di capacità di acquisto.

Leggi anche: Bonus 200 euro, in questo caso lo ricevi automaticamente

Se a questo si somma l’incertezza sul plafond futuro, e gli impegni da rispettare sull’avanzamento dei lavori, pena la decadenza del bonus, diversi analisti sconsigliano ad i nuovi interessati di imbarcarsi proprio ora in questo progetto.