Ritrova un vecchio libretto postale: diventa ricchissimo

Sorpresa per il possessore di un libretto postale creduto smarrito. Lo ritrova dopo anni e ottiene una fortuna insperata

Libretto postale dormiente
Poste Italiane (Foto Pixabay)

In questa fase di difficoltà economica la speranza di molti italiani è il classico colpo di fortuna che cambia improvvisamente la vita. Potrebbe essere un’eredità di un parente lontano o una vincita alla lotteria cha arriva casualmente. Tuttavia è una fortuna che capita raramente e la scelta di molti è risparmiare e accantonare in vista di tempi  migliori.

Le forme di risparmio preferite dagli italiani sono i depositi bancari e i libretti di risparmio postali. Questi ultimi hanno il vantaggio di essere collegati alla rete di uffici e sportelli postali diffusi un po’ ovunque sul territorio nazionale. Si possono trovare le poste anche nei paesi più piccoli e sono garantiti da Poste Italiane una società solida e con una storia antica più che centenaria.

Un libretto postale può valere una fortuna?

LIbretto postale dormiente
Libretto postale (Foto Pixabay)

I Libretti di risparmio postale cosiddetti “dormienti” sono i Libretti non movimentati dal titolare da più di 10 anni, non sottoposti a procedimenti o blocchi operativi che ne impediscano la movimentazione delle somme e che abbiano un saldo superiore a 100 euro“. Si legge sul sito di Poste Italiane.

Quanti libretti dormienti ci sono sparsi nella penisola? Forse molti e ritrovarli può valere una fortuna. È quanto capitato a un anziano maresciallo dei carabinieri in pensione originario di Trento, una vita trascorsa al servizio dell’Arma con dedizione e soddisfazioni in tutta Italia per tanti decenni.

Leggi anche: Truffa bancoposta: attenzione a non commettere questo errore

Duarante la Seconda guerra mondiale suo padre depositò tutti i risparmi di famiglia in un libretto postale per una cifra di oltre 150.000 lire, una somma notevole per i tempi. L’ultimo saldo di lire 49.182 risale a ben 65 anni fa, precisamente al 24 gennaio 1957. Dopodiché il libretto è scomparso. Qualche tempo fa è accaduto l’incredibile.

Leggi anche: Truffa gratta e vinci: prova il colpo del secolo ma viene beccata

L’anziano maresciallo, frugando in un cassetto della casa del padre in provincia di Treviso, ha ritrovato il vecchio libretto dimenticato e ne ha chiesto la somma maggiorata dagli interessi, dalla rivalutazione e dalla capitalizzazione a Poste Italiane. Il libretto secondo il legale che ha assistito l’ex carabiniere ha fruttato l’incredibile cifra di 8 milioni di euro. Sarà la consulenza del Tribunale di Trento a stabilire la somma esatta che spetterà all’anziano maresciallo. Meglio sempre controllare i propri libretti dormienti, potrebbero valere una fortuna.