Tachipirina e allattamento: attenzione, cosa bisogna sapere

Tachipirina è facile da utilizzare e immediatamente somministrabile per febbre e piccoli sintomi, ad eccezione di alcuni casi. Eccone uno

Febbre cosa usare oltre Tachipirina
Tachipirina (Foto Adobe)

Fonte articolo: Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)

È uno dei primi farmaci che i bambini conoscono sin dalla tenerissima età e indubbiamente il farmaco più largamente utilizzato nella vita di una persona. Tachipirina è ampiamente riconosciuta come la soluzione alla quale si ricorre con facilità di fronte ad alcuni piccoli sintomi con cui ci si potrebbe svegliare al mattino; e grazie ad essa possiamo risparmiarci la consueta chiamata al medico sotto la stagionale degenza influenzale.

Questo farmaco ontiene il paracetamolo, il principio attivo in grado di sviluppare una funzione di antipiretico, andando così a ridurre la febbre, e una funzione di analgesico, per alleviare dolori di varia origine e natura. Il suo utilizzo è tendenzialmente esteso sia a bambini che ad adolescenti e adulti; a seconda del peso minimo del soggetto, è indicata una delle versioni della vasta gamma Tachipirina. Il peso, tra l’altro, ne stabilisce il quantitativo.

Tachipirina e allattamento, quali precauzioni bisogna prendere

Tachipirina 1000 rischio intossicazione quando
Tachipirina 1000 mg (Foto Adobe)

L’automedicamento offerto da Tachipirina è circoscritto al trattamento dei sintomi legati a dolori di varia natura come mal di testa, dolori articolari, torcicollo, mal di schiena, mal di denti, dolori mestruali e interventi chirurgici di piccola entità. In caso di peggioramento del proprio stato di salute dopo l’uso, è – al contrario – opportuno rivolgersi a un medico per decidere sul da farsi.

Leggi anche: Cardioaspirina, non prenderla mai così: è pericoloso

È efficace anche per le malattie esantematiche, cioè le malattie infettive tipiche dei bambini e degli adolescenti), e per le malattie acute dell’apparato respiratorio. Come ogni farmaco, a fianco dell’uso piuttosto semplice e immediato, vi sono anche delle precauzioni, nonché delle eccezioni. Deve fare attenzione chi prende determinati farmaci o alcuni tipi di antibiotici; chi è allergico a paracetamolo o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale non deve assumerlo.

Leggi anche: La plastica bio è greenwashing? L’indagine di Greenpeace

Per molti casi, Tachipirina non costituisce affatto un pericolo, e comunque ogni dubbio, prima di farne un uso incauto, si può fugare ricorrendo al consiglio del medico o del farmacista. Talvolta, basta il buon senso: moderarne la somministrazione di fronte all’eccesso di alcol. Infine, la raccomandazione alle neomamme: durante la gravidanza o durante l’allattamento con latte materno, è opportuno consultare il medico o il farmacista prima dell’utilizzo.