Vacanze, bandiere blu 2022: new entry e clamorose uscite

Pubblicato l’elenco delle coste che potranno godere delle bandiere Blu, sinonimo di ottima qualità dell’acqua

Bonus Vacanza
Vacanze (Foto Adobe)

L’estate è dietro l’angolo e per gli italiani si avvicina il momento di pensare al mare. L’inflazione sta frenando la crescita economica e sta mettendo in difficoltà famiglie e piccole imprese. Tuttavia, anche durante la pandemia gli italiani hanno dimostrato di non rinunciare facilmente anche solo a qualche giorno di vacanza al mare.

Molte delle persone che non possono godersi periodi di vacanza in spiaggia potranno comunque andare al mare da pendolari. Il mare bagna l’Italia per gran parte del territorio e in estate è difficile rinunciare alla spiaggia. Oltretutto, il clima si annuncia ormai sempre più rovente in estate per effetto del riscaldamento globale del pianeta.

Bandiere blu 2022, novità ed esclusioni a sorpresa

Bonus vacanze
Vacanze (Foto Pixabay)

Come ogni anno, in prossimità dell’estate sono aggiornate le spiagge con il mare più pulito sotto il profilo della balneabilità. E’ giunto il momento di aggiornare l’elenco delle note bandiere blu, simbolo di qualità delle acque. Il nuovo elenco presenta subito delle novità con ben 14 località che entrano nella lista delle bandiere blu.

Leggi anche: Un altro passo verso la sostenibilità, dal Mise 678 milioni di euro per le imprese

Tuttavia, ci sono anche delle uscite a sorpresa di località che hanno destato scalpore in certi casi come, ad esempio, quello dell’isola pontina di Ventotene. Andando all’elenco (Clicca) sono 210 i comuni Bandiera Blu: Si tratta di 9 in più rispetto al 2021 e di 14 nuove località come indicato. Sono 5 i comuni che hanno perso la bandiera.

Leggi anche: Bambini e junk food: le aziende sottoscrivono il CFBAI per la pubblicità ma bisogna fare di più

La classifica delle regioni porta in testa la Liguria, con 32 località premiate. A seguire ci sono con 18 Bandiere la Campania, con una new entry e due uscite tra cui Sapri che aveva la bandiera da diversi anni; seguono ancora la Toscana, che ha un nuovo ingresso, e la Puglia. 

Si occupa del programma internazionale Bandiere Blu l’organizzazione no-profit Foundation for Environmental Education (FEE). Quest’ultima si occupa di assegnare il suo riconoscimento di qualità ambientale alle località le cui acque sono risultate “eccellenti”. L’arco temporale di riferimento è di quattro anni. Le analisi sono eseguite dalle Arpa, ossia le Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente.