Reddito di cittadinanza, bonus 200€ per ogni membro in famiglia?

Il provvedimento del Governo che ha istituito il bonus da 200 euro da elargire ai cittadini per far fronte all’aumento delle bollette e in generale del costo della vita che stiamo affrontando in questo periodo di crisi viene percepito anche da chi ha il Reddito di cittadinanza. Vediamo però se spetta a ciascun membro della famiglia

Reddito di Cittadinanza
Reddito di Cittadinanza (Foto Adobe)

Nella prima bozza del provvedimento i percettori di Reddito di cittadinanza erano stati esclusi dal bonus ma, con un secondo intervento, sono ora rientrati tra le categorie beneficiarie. Occorre quindi fare chiarezza su questo piccolo aiuto in più.

Sappiamo per esempio che a poter beneficiare del bonus sono i lavoratori, sia quelli con contratto subordinato sia i lavoratori autonomi, i pensionati, chi è destinatario della NASPI e proprio chi riceve il Reddito di cittadinanza. Ma come viene calcolato effettivamente il numero di chi all’interno del nucleo familiare percepisce questo bonus una tantum?

Reddito di cittadinanza e bonus, cosa prevede il decreto Aiuti

Bonus 200 euro
Bonus 200 euro (Foto Adobe)

Il bonus da 200 euro è stato inserito nel cosiddetto decreto Aiuti. Abbiamo già detto che è destinato a chi riceve il Reddito di cittadinanza, a chi è lavoratore e ai pensionati. Per i percettori del Reddito di cittadinanza la cifra di 200 euro verrà accreditata direttamente sulla famosa Carta acquisti gestita da Poste Italiane.

Leggi anche: Conto corrente, chiusura forzata: quando può scattare

Quello che occorre capire, e probabilmente sarà qualcosa che verrà chiarito con i decreti attuativi che arriveranno a breve, è se questi ulteriori 200 euro che verranno caricati una volta sola sulla Carta del Reddito di cittadinanza potranno essere utilizzati in maniera diversa rispetto al reddito e quindi, per esempio, prelevati a uno sportello bancomat e utilizzati come meglio si crede. Perché tra i vincoli della Carta del reddito di cittadinanza c’è quello relativo ai prelievi e all’utilizzo dei soldi che vengono caricati sulla Carta solo per alcune tipologie di acquisti che risultano essenziali.

Leggi anche: Bollo auto, scattano i controlli su queste auto: chi rischia

In generale, se un nucleo familiare è composto da più persone e queste rientrano ciascuna a proprio titolo nei requisiti per la percezione di questo bonus da 200 euro, ciascun membro della famiglia riceverà il proprio bonus. Questo significa anche che se in un nucleo familiare ci sono più percettori del Reddito di cittadinanza ciascuno di questi percettori riceverà il proprio bonus. L’unica situazione che non può avvenire è il doppio bonus ovvero l’accredito di un bonus perché si è percettori del Reddito di cittadinanza e l’accredito di un altro bonus da 200 euro nel caso in cui nel nucleo familiare sono presenti altri requisiti.