Ricevuta bancomat, perché buttarla subito è un errore

Il bancomat è uno dei dispositivi maggiormente utilizzati dalla cittadinanza. Tuttavia, è necessario prestare sempre attenzione agli errori

attenzione prelievo bancomat
bancomat (foto Adobe)

Il bancomat è uno dei dispositivi più utilizzati dalla cittadinanza. Nonostante le tendenze degli ultimi due anni orientate a spingere la popolazione ad utilizzare i pagamenti digitali, il contante resta ancora un baluardo nelle abitudini degli italiani. Tuttavia, l’utilizzo dei dispositivi spesso possono rientrare nelle azioni di vita quotidiana che si svolgono quasi meccanicamente.

L’abitudine ad eseguire sempre gli stesi gesti a volte può comportare a commettere degli errori semplicemente perché si agisce attraverso automatismi che il nostro corpo e la nostra mente ha acquisito. Ed è in questi casi che si possono commettere errori che, al cospetto di dispositivi elettronici, possono avere delle conseguenze fastidiose.

Bancomat, l’importanza della ricevuta

Bancomat (Foto Pixabay)

E’ il caso, ad esempio, nell’utilizzo del bancomat delle ricevute. Spesso e volentieri queste vengono gettate o addirittura lasciate attaccate al dispositivo che le emette. Questa azione che si svolge spesso in automatico, senza pensarci, può avere conseguenze nel caso in cui il bancomat non abbia erogato il pagamento.

Leggi anche: Conto corrente, non lasciate questa cifra: scatta la penale

In certi casi, infatti, può accadere che la mancata erogazione non corrisponda a quanto indicato sulla ricevuta. In pratica, il dispositivo ha registrato l’operazione ma non è stata associato alcun versamento. Per questo motivo può essere fondamentale per non rischiare di perdere dei soldi, conservare sempre la ricevuta.

Leggi anche: Libretti, Poste rescinde il contratto: chi perderà i soldi

Intoro alla ricevuta esistono anche dei casi di tentati furti dei dati. I malfattori del settore si specializzano sempre di più e trovano sempre soluzioni migliori per arrivare a truffare i titolari di conti e di carte di pagamento. L’incremento della circolazione di carte che si è avuto nella pandemia ha inevitabilmente inciso sul numero dei tentativi di truffe ai danni di ignari utenti.

Per quanto riguarda nello specifico l’utilizzo del bancomat, i malfattori sono sempre in agguato con nuove soluzioni o riportando schemi già utilizzati in passato che, purtroppo, spesso risultano essere efficaci anche nel lungo periodo ai danni degli ignari utenti dei dispositivi.