Assegno unico INPS, pagamenti in arrivo: la data

I pagamenti dell’Assegno Unico sono in via di sblocco e presto arriveranno agli aventi diritti, comprensivi degli arretrati. Ecco quando

assegno unico date pagamenti maggio
Calendario assegno unico (Foto Pixabay)

Sono passati due mesi e mezzo dall’entrata in vigore dell’Assegno Unico e Universale, e ad oggi, il sostegno economico a favore dei nuclei familiari, con figli a carico fino al compimento del 21° anno di età o disabili senza limiti di età, si trova in una poderosa fase di assestamento. D’altronde, sono quasi 5 milioni le famiglie che ne hanno fatto domanda e a cui ne è stato riconosciuto il diritto, consentendo l’arrivo del corrispettivo assegno a ciascuno dei 7 milioni di figli a carico.

Questa mole di domande – legittime – ha indotto l’INPS ad attivare dei controlli serrati, sebbene a campione, concentrandosi su determinate categorie di famiglie. Più che la verifica di sospette irregolarità, l’Ente di Previdenza sta sottoponendo alcuni nuclei familiari a fornire una documentazione aggiuntiva circa informazioni che altrimenti non sarebbe in grado di ottenere autonomamente interrogando le proprie banche dati.

Assegno unico INPS, fissato finalmente il calendario anche per gli arretrati

soldi
Assegno Unico (Foto Pixabay)

Ancora oggi, dunque, le domande per ottenere il riconoscimento dell’AUU relative ai mesi di gennaio, febbraio e marzo 2022 sono ferme in istruttoria; e le ragioni sono le più diverse: oltre il suddetto approfondimento, alcuni dati sono pervenuti non correttamente; la contingente richiesta del Reddito di Cittadinanza non ha snellito la procedura sui casi corrispondenti; la presenza di genitori separati o affidatari, oppure di figli all’estero.

Leggi anche: Assegno unico INPS, come sbloccare le domande ferme

Gli stessi figli maggiorenni, che siano studenti, disoccupati o lavoratori (con reddito annuo fino a 8.000 euro), appartengono ai principali elementi di accertamento che l’Ente previdenziale vuole chiarire: in particolare i figli ventunenni non disabili con l’eventuale presenza di un reddito. Eppure, l’INPS ora comunica che la procedura, sebbene continuerà  a non svolgersi automaticamente, vedrà per il mese di maggio il tanto desiderato sblocco.

Leggi anche: Buste paga, ecco quando arriva il bonus 200 euro

La notizia supera addirittura le aspettative: il primo pagamento dell’Assegno Unico per i figli verrà ufficialmente effettuato venerdì 13 maggio 2022; in leggero anticipo, rispetto ai pagamenti dello scorso mese. Ovviamente non è la sola data prevista; anzi, nella settimana  corrente sono già in svolgimento gli accrediti delle mensilità arretrate: pertanto parliamo dei primi pagamenti comprensivi delle rate di marzo e aprile.