Allarme bancomat, se noti queste cose non prelevare

Il prelievo Bancomat è un’operazione tanto comune quanto potenzialmente rischiosa. Come prevenire le truffe

Bancomat truffa prelievo
Bancomat (Foto Adobe)

Prelevare al Bancomat è un’abitudine che la maggior parte degli italiani preferisce al fare le file agli sportelli bancari per avere denaro contante dal proprio conto. Anche se negli ultimi anni, con la spinta ai pagamenti digitali, sono sempre meno le persone che girano con molto denaro cash. Tutti gli esercizi commerciali sono obbligati a far utilizzare il pos, anche per piccole somme di denaro.

Di conseguenza molti sportelli ATM sono spariti dalle città, anche a causa degli alti costi di gestione. In ogni caso sono sportelli 24h che consentono di ritirare denaro contante, sia che collegati al proprio istituto di credito che ad altri. In quest’ultimo caso è probabile che per il prelievo Bancomat ci sia una commissione da pagare, mediamente tra i 50 centesimi ed un euro.

Imn ogni caso, coloro che sono abituati ad utilizzare il Bancomat ed i soldi in contanti, è bene che prestino attenzione ad alcuni dettagli fondamentali per evitare le truffe.

Bancomat, come evitare le truffe ATM

Bancomat allarme prelievo
Bancomat (Foto Adobe)

Lo sportello bancomat, meglio chiamato ATM, è certamente più sicuro nelle cabine chiuse dove per entrare c’è bisogno di autenticarsi tramite la strisciata della carta. In quei posti, tra l’altro molto sorvegliati, è improbabile che dei malfattori tentino delle manomissioni all’apparecchio automatico che eroga denaro.

Leggi anche: Prelievo bancomat: i due casi che fanno scattare controlli

Allo stesso modo un buon consiglio è di prelevare denaro con il Bancomat agli sportelli automatici dal lunedì al venerdì, ovvero durante il periodo di apertura della banca. Se il Bancomat non è sorvegliato, è più facile che si possano incontrare malintenzionati. Oltre al rischio di essere derubati, sono numerose le truffe che coinvolgono gli sportelli Bancomat.

Leggi anche: Busta paga, quattordicesima in arrivo: chi la riceverà

Attraverso manomissione del meccanismo i truffatori riescono a trattenere la carta bancomat o il denaro, per poi recuperarlo in un secondo momento. Ad esempio, è meglio non utilizzare lo sportello automatico se nella fessura dove deve essere inserita la carta si notano rialzi o presenza di colla. Potrebbe essere stato posizionato uno scanner che clona la carta. Allo stesso modo fare attenzione se sopra il tastierino in cui si digita il pin ci sono telecamere. Se la carta viene ritirata dallo sportello, in via del tutto precauzionale è bene bloccarla immediatamente con una telefonata al numero verde della banca.