Bonus Internet: come funziona e a chi spetta

Le famiglie italiane possono accedere ad un nuovo bonus che riguarda la rete internet: ecco come funziona e come fare domanda

bonus internet
bonus internet (Foto Pixabay)

Sono tantissimi i bonus e le misure messe in campo dal governo Draghi per aiutare le famiglie italiane in difficoltà economica in questi anni non di certo facili. Prima la pandemia da Covid -19 e poi l’inflazione, il caro bollette e la guerra tra Russia ed Ucraina con il conseguente aumento delle materie prime stanno pensando molto sulle tasche degli italiani.

Un nuovo bonus è stato annunciato in questi giorni da Infratel, società che viene gestita dal ministero Economico, e prevede degli sconti per tutti coloro che utilizzano la rete Internet. Si tratta di un bonus da 300 euro che sarà dato a tutte le famiglie per lo sviluppo e incentivo della banda ultra larga. La misura non prevede limiti di reddito ma seguirà alcune particolari disposizioni.

Bonus Internet, ecco come funziona e chi potrà richiederlo

bonus internet
bonus internet (Foto Pixabay)

Gli sconti previsti per il bonus internet serviranno per l‘abbonamento ad un operatore del settore che porti in casa la banda larga, ovvero una potenza di “almeno 30 Megabit al secondo con fibra misto rame, fibra pura o fisso-wireless” per contratti di almeno 24 mesi. Il bonus da 300 euro è quasi il 50% di quanto vale la stipula di questo contratto in due anni.

Leggi anche: Taglio accise, arriva anche per il metano: il nuovo prezzo

Questo significa, in parole povere, che ogni famiglia pagherà la metà di quanto avrebbe dovuto pagare in due anni. Il bonus prevede anche la possibilità di cambiare operatore nei due anni senza alcuna perdita del diritto o sovrapprezzi. Il fondo stanziato dal governo è di 400 milioni di euro e sarà erogabile fino ad esaurimento di questa cifra. Vediamo ora chi potrà usufruire del bonus.

Leggi anche: Superbonus, arriva la proroga: la nuova scadenza

L’iniziativa vale per ogni famiglia che attivi una tra le offerte disponibili per la banda larga e non è invece necessario l’ISEE. Circa l’80% della misura è destinata al Sud Italia, area meno sviluppata tecnologicamente rispetto al Centro – Nord. Attualmente il governo non ha ancora comunicato la data a partire dalla quale si potrà attivare l’offerta.

Accanto a questo bonus ci saranno anche agevolazioni per quanto riguarda l’attivazione di posta elettronica certificata (pec), i cloud e Spid (normalmente gratuito) oltre al “cablaggio del condominio con la fibra ottica”. Infratel lancerà una consultazione pubblica così da incentivare gli operatori interessati che potranno formulare le loro proposte fino al 31 maggio.