Bancomat, nuovo allarme: cosa sta capitando

Nuova truffa che mette in pericolo coloro che utilizzano i bancomat. Sono registrate diverse denunce giornaliere

Bancomat truffa prelievo
Bancomat (Foto Adobe)

I tempi difficili per l’economia e la fetta di persone che in Italia cerca di vivere di “espedienti” è sempre notevole. Spesso le truffe riguardano l’utilizzo di carte di pagamento e del bancomat. I Italia i tentativi di furto che riguarda le carte di pagamento sono in aumento.

L’incremento della circolazione di carte che si è avuto nella pandemia ha inevitabilmente inciso sul numero dei tentativi di truffe ai danni di ignari utenti. Per quanto riguarda nello specifico l’utilizzo del bancomat, i malfattori sono sempre in agguato con nuove soluzioni o riportando schemi già utilizzati in passato che, purtroppo, spesso risultano essere efficaci anche nel lungo periodo.

Bancomat, truffe i corso in Italia

controllo fisco bancomat
Truffe (foto Adobe)

Le campagne informative, infatti, non riescono ad arrivare a tutti gli utenti. I più distratti rischiano di cadere vittime della propria buona fede. Nel caso specifico, in Sardegna, e precisamente a Cagliari, le forze di Polizia stanno segnalando delle truffe in corso effettuate attraverso l’utilizzo del bancomat. Fenomeno tuttavia che si espande in tutta Italia.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, cambia il giorno della ricarica a maggio

Si tratta dei finti acquirenti che rispondono ad annunci online circa la vendita di un qualsiasi oggetto. Una volta contattato il venditore e trovato un accordo sul prezzo si passa alla fase che determina la truffa. Il veditore, infatti, viene invitato a recarsi al bancomat dove gli viene proposto di ricevere denaro attraverso una ricarica postepay.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza, i requisiti per poterlo ottenere

La truffa entra nel vivo quando il venditore viene messo in confusione telefonicamente dal malfattore al punto che si ritrova involontariamente a fare una ricarica su una carta che fa capo ad uno dei malviventi. Una volta portato il venditore ad effettuare la ricarica, il truffatore spegne il telefono e si rende irreperibile.

Oggetto della specifica truffa è la gente che ha poca dimestichezza con l’utilizzo del bancomat e dei pagamenti. In tal modo si lasciano mettere facilmente in confusione dai truffatori. La polizia ha fatto sapere che le denunce giornaliere relative alla truffa in corso a Cagliari raggiunge la media di quattro o cinque al giorno.